La partecipazione è il metodo migliore per far vivere la Rai del futuro

La partecipazione è il metodo migliore per far vivere la Rai del futuro

rai.jpgSi costituisce un Comitato di associazioni ed esperti per aprire nel paese un dibattito vero e partecipato su ruolo e futuro del servizio pubblico

In occasione della consultazione, indetta dal Governo in vista del rinnovo della concessione di Servizio Pubblico, si è costituito il Comitato di associazioni ed esperti ‘PubblicaRai per il Bene Comune’, allo scopo di aprire nel Paese un dibattito vero, profondo e partecipato sul ruolo e sul futuro del Servizio Pubblico, rivendicando il protagonismo dei cittadini in questo processo.

 

Con la riduzione dell’autonomia del Servizio Pubblico dall’esecutivo – principio ribadito da varie sentenze della Corte Costituzionale ed eluso dalla recente riforma della governance della Rai – i cittadini hanno perso un ulteriore spazio democratico e di rappresentanza. Spazio che il Comitato PubblicaRai intende riconquistare anche attraverso l’istituzione, all’interno della Rai, di una sede permanente di confronto e di scambio – un Consiglio della Partecipazione – che rappresenti le molteplici espressioni della società civile, e sia l’interfaccia per verificare l’efficacia del Servizio Pubblico e l’adempimento della sua missione.

 

Allo stesso modo, la consultazione pubblica che oggi ha carattere sporadico e aleatorio, anche per gli effetti del digital divide e della scarsa informazione, dovrebbe assumere cadenza regolare lungo tutta la vigenza della concessione, per meglio aderire alla vastità dei compiti indicati dalle linee guida, alla complessità culturale e sociale del nostro Paese e alla velocità delle trasformazioni che vi si compiono.

 

Il Comitato PubblicaRai, nel darsi questi precisi obiettivi, organizzerà nei prossimi mesi incontri e seminari per offrire ai cittadini, così come al decisore politico, strumenti di analisi e conoscenza utili a definire perimetro, contenuti e mission del Servizio Pubblico del futuro.

 

Per assolvere alla sua funzione, il Comitato si dota di un coordinamento ristretto, con durata semestrale, attualmente composto da Appello donne e media, Articolo 21, Cittadinanzattiva, Liberta’ e Giustizia, Moveon italia, Net left, Ucsi, e di un portavoce, nella persona del giornalista Giorgio Balzoni.

 

 Aderiscono al Comitato:

Adusbef, Appello donne e media, Arci, Articolo 21, Associazione stampa romana, Assoprovider,

Cittadinanzattiva, Confronti, Federconsumatori, Fials, Fish, Fnsi, Giuristi democratici, Indignerai, Libera, Liberainformazione, Liberta’ e Giustizia, Moveon italia, Net Left, Nuovi occhi per i media, Sindacato cronisti, Ucsi, Unione artisti Unams, Usigrai

 

Roma, 23 maggio 2016

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Name*

Email* (never published)

Website