Aderiamo e partecipiamo al Toscana Pride!

Aderiamo e partecipiamo al Toscana Pride!

L’ARCI EMPOLESE VALDELSA CON IL TOSCANA PRIDE 2017
Sabato 27 maggio ad Arezzo una grande festa per i diritti con il Toscana Pride. L’adesione e il sostegno dell’Arci Empolese Valdelsa che invita tutti i soci e cittadini a partecipare


Sabato 27 maggio si svolgerà il Toscana Pride ad Arezzo, manifestazione promossa dalle associazioni e dai gruppi organizzati che animano il territorio della regione nello spazio LGBTIQA (Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transessuali, Intersessuali, Queer, Asessuali), al fine di promuoverne la piena cittadinanza e trasformare l’indignazione, la paura e la rabbia per i soprusi e le discriminazioni in partecipazione attiva e costruttiva.

L’Arci Empolese Valdelsa, così come fece lo scorso anno a Firenze, sostiene la manifestazione e invita tutti i soci e i cittadini del territorio a recarsi ad Arezzo a partecipare alla parata che attraverserà dalle ore 15,00 le vie del centro dove sono attese migliaia di persone festanti e colorate provenienti da tutta la nostra regione perché le battaglie per i diritti sono, da sempre le battaglie della nostra associazione.
E’ infatti con “orgoglio incontenibile” che è appunto lo slogan della manifestazione, che la nostra associazione aderisce al Toscana Pride perché incontenibile è il diritto alla libertà, all’autodeterminazione, all’amore, alla felicità. Esserci vuol dire dare il nostro contributo al cambiamento, attraverso una rivoluzione “dolce” per rivendicare i diritti delle persone LGBT, per difendere i diritti di tutti.

In Italia da poco meno di un anno è entrata in vigore la legge sulle Unioni civili e sono stati fatti passi importanti per diminuire la diffusione di un’immagine stereotipata dell’universo LGBTIQA, grazie ai media e a iniziative di enti locali, Università e Istituti scolastici.
Nonostante questi mutamenti positivi molto ancora rimane da fare: il contrasto alla violenza omo-transfobica per esempio con leggi ancora bloccate e una situazione dove, secondo il rapporto 2016 di ILGA, l’Italia è il paese dell’Europa occidentale che meno tutela i diritti umani delle persone omosessuali, bisessuali e trans. Per non parlare dell’acquisizione di una piena e vera uguaglianza e dignità alle coppie dello stesso sesso.

Dobbiamo muoverci affinché i movimenti nazional-populisti europei e l’America di Trump, non solo cessino gli attacchi alle persone lgbt, ma non mettano a rischio perfino i diritti dati per acquisiti come la laicità dello stato, l’interruzione volontaria di gravidanza, le pari opportunità di genere.

Per tutti questi motivi l’Arci Empolese Valdelsa vi invita a esserci ad Arezzo. Perché questa sia la festa dell’orgoglio di tutti.

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Name*

Email* (never published)

Website