AlimentiAmo la Legalità – con Danilo Sulis – Il resoconto

AlimentiAmo la Legalità – con Danilo Sulis – Il resoconto

Lunedì scorso si è tenuta una giornata fondamentale per la sensibilizzazione del nostro territorio riguardo al tema dell’antimafia.

Arci Empolese Valdelsa, all’interno del progetto AlimentiAmo la Legalità, ha avuto l’onore di ospitare una figura storica dell’antimafia: Danilo Sulis. Amico di Peppino Impastato e co-fondatore della storica Radio Aut, attualmente Sulis dirige il network “Rete 100 Passi” e la web radio “Radio 100 Passi“, che di Radio Aut raccoglie l’eredità, abbattendone i limiti fisici grazie alla portata potenzialmente infinita concessa da Internet. Quella di Sulis è una vita piena di avventure, tutte legate a doppio filo dal tema dell’antimafia.

Prima di iniziare il resoconto, è opportuno ringraziare chi si è impegnato in prima persona per la riuscita dell’evento, oltre ad Arci Empolese Valdelsa nella figura di Valeria Carboncini e dei ragazzi del servizio civile: Alessio Vignali, Valentina Papale ed Andrea Nerla, e ad i circoli Arci di Cerreto Guidi e Santa Maria che hanno reso disponibili i loro spazi. Un caloroso ringraziamento va quindi a: Cgil Empolese Valdelsa, Spi-Cgil Vinci-Cerreto-Castelfiorentino-Santa Maria, i circoli Arci di S. Maria, di S. Donato, di Ponzano e Puppino di Castelfiorentino, Slow Food, Unicoop sezione soci di Vinci-Cerreto Guidi, Avviso Pubblico, Istituto Comprensivo Cerreto Guidi.

L’urgenza di esporsi di Danilo Sulis si riconosce anche dalla sua disponibilità a parlare per ben tre occasioni nell’arco della giornata di lunedì 19 marzo: alle 11 all’Istituto Comprensivo di Cerreto Guidi; alle 15 al Circolo Arci di Santa Maria; alle 18:30 Circolo Arci di Cerreto Guidi.

Durante il primo incontro,  con i ragazzi della Istituto Comprensivo di Cerreto Guidi, Danilo ha optato per un confronto orizzontale con gli studenti: raccontando le sue esperienze legate all’antimafia nella parte iniziale; successivamente, ascoltando le riflessioni e rispondendo alle domande dei tanti curiosi; tracciando un interessante parallelo tra i comportamenti dei mafiosi e quelli dei bulletti nelle scuole, nella parte conclusiva. Divertendosi e facendo divertire.

danilo sulis antimafia cerreto guidi

 

La seconda tappa della giornata si è consumata nello spazio gentilmente concesso dal Circolo Arci di Santa Maria, con alcune classi dell’Istituto Tecnico Industriale di Empoli.

Qui i ragazzi partecipanti al progetto GR.ATT. (Giovani responsabili e attivi per la legalità) hanno introdotto Sulis con alcune diapositive ed una breve pièce teatrale riguardanti il film “I Cento Passi“. Anche in quest’occasione gli studenti ed i cittadini presenti all’incontro si sono dimostrati interessati intervenendo con domande ed osservazioni di vario genere. Qui Sulis ha posto l’enfasi sul ruolo che le mafie hanno, spesso con modalità più silenti e meno spettacolari, anche nel territorio toscano.

danilo sulis antimafia

La terza ed ultima tappa è stata quella del Circolo Arci di Cerreto Guidi, dove alla fine della presentazione si è consumata un’ottima cena composta di piatti tipici del nostro territorio.danilo sulis antimafia arci cerreto guidi

Alla fine di questo intenso tour de force, il ritorno a casa è segnato dalla consapevolezza di aver instillato in centinaia di persone – in modo realmente intergenerazionale ed interclassista – attraverso questa preziosa testimonianza, un po’ di coscienza antimafiosa.  D’altronde, come Sulis ribadisce più volte, l’antimafia “non ha bisogno di martiri o eroi, ma di tante persone che svolgano con onestà il loro lavoro ogni giorno“.

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Name*

Email* (never published)

Website