Campagna sulla deroga al patto di stabilità europeo per le spese sociali

Campagna sulla deroga al patto di stabilità europeo per le spese sociali

L’austerità ci rende insicuri e più deboli: per contrastare diseguaglianze, mafie e terrorismo subito i servizi sociali fuori dal patto di stabilità!

La rete di Miseria Ladra (promossa da Libera e Gruppo Abele), la Campagna Sbilanciamoci, l’Arci e la Rete della Conoscenza promuovono una campagna rivolta agli amministratori locali, al Parlamento, al Governo italiano e alle istituzioni europee per chiedere di porre fine alle politiche di austerità e, in ogni caso, di escludere la spesa sociale dal Patto di stabilità; cosi come avviene per le spese sulla sicurezza (dopo i fatti di Parigi).

Il titolo scelto è “imPATTO SOCIALE” e fa riferimento al patto di stabilità europeo e alla necessità di superarlo con una alleanza sociale che ottenga la deroga per le spese sociali dalle condizioni poste dalla Commissione Europea ai governi sulle scelte relative al bilancio degli Stati dell’UE.

La povertà assoluta è triplicata arrivando a colpire oltre 4,5 milioni di italiani; la dispersione scolastica, la povertà minorile e la disoccupazione giovanile sono tra le più alte d’Europa. Gli ultimi dati Istat denunciano come il 28,3% della nostra popolazione sia a rischio povertà. Una situazione drammatica che favorisce mafie e corruzioni e che rischia di innescare guerre tra poveri e generare frammentazione sociale e rancore tra le fasce più deboli della popolazione, sempre più marginalizzate.

Anche in tutta Europa le diseguaglianze sono aumentate a livelli insopportabili e rappresentano il problema principale che oggi mette seriamente a rischio coesione sociale e tenuta democratica. Sono 128 milioni i cittadini europei in povertà relativa e 43 milioni nell’indigenza.

Se in nome della lotta al terrorismo si è data la possibilità ai governi di derogare al patto di stabilità non inserendo nel conteggio del deficit le spese per la sicurezza, crediamo sia ancor più urgente ed utile derogare al patto di stabilità per le spese relative ai servizi sociali, fondamentali per il contrasto alle diseguaglianze ed all’esclusione sociale di cui il terrorismo si nutre per diffondere i suoi messaggi di odio.

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Name*

Email* (never published)

Website