Idee e proposte

image_pdfimage_print

IL PANE E LE ROSE – PROGETTO DI SOLIDARIETA’ ALIMENTARE NELL’EMPOLESE VALDELSA

IL PANE E LE ROSE – PROGETTO DI SOLIDARIETA’ ALIMENTARE NELL’EMPOLESE VALDELSA

Si chiama “Il Pane e le Rose” ed è un progetto di solidarietà alimentare che prenderà il via a partire dalla prossima settimana, realizzato da Arci, in collaborazione con l’associazione “Settembre Rosso” e con alcuni circoli dell’Empolese Valdelsa, con il supporto di Re.So. Un progetto che punta a sostenere le molte persone che l’emergenza Covid19 ha reso – e renderà – economicamente e socialmente fragili e che cerca di stringere rapporti e relazioni di comunità, includendo la nuova fascia di coloro che si trovano anche solo temporaneamente in stato di necessità e nell’impossibilità di fare fronte a spese. Purtroppo l’esplosione della pandemia sta avendo degli effetti devastanti a livello lavorativo e occupazionale, anche nel nostro territorio. Effetti tanto devastanti, dal momento che si sviluppano su un tessuto sociale già indebolito. Ma la pandemia sta colpendo duramente anche sul fronte dei legami tra le persone, dello scambio e della vicinanza, della solidarietà. I circoli chiusi, i luoghi di ritrovo non più accessibili, il distanziamento in genere rende tutti più soli e senza sostegno, specie coloro che si trovano in maggiore difficoltà economica.

Le conseguenza delle iniquità, che già esistevano, si stanno allargando e rischiano di inghiottire fette sempre più larghe di popolazione. È evidente che le risposte in termini di servizi e di sostegno non bastano a far emergere tutto il bisogno. E in ogni caso non basta la distribuzione di generi di prima necessità per sopperire ad una situazione così logorata, specie se tali condizioni si protrarranno e addirittura peggioreranno come è prevedibile nel futuro. Abbiamo, quindi, pensato di sfruttare la rete dei circoli Arci per ricreare un tessuto sociale in grado di distribuire il pane, ma di non dimenticare le rose. Il progetto prevede la possibilità per i soggetti in difficoltà di rivolgersi direttamente ai circoli Arci che aderiranno all’iniziativa oppure attraverso il numero telefonico 353 4078822 (attivo dal lunedì al venerdì in orario 10-18) la mail (ilpaneelerose.20@gmail.com) o ancora la pagina Facebook Il Pane e le Rose, indicando la propria situazione e specificando ciò di cui hanno bisogno: alimenti confezionati o freschi (come frutta e verdura), prodotti per l’igiene personale, prodotti per l’igiene della casa, prodotti per l’infanzia o altro. I circoli Arci aderenti funzioneranno in alcuni casi da punti di raccolta delle richieste, (ad oggi i Circoli delle frazioni empolesi di Ponzano, Fontanella, Cascine, Casenuove e Monterappoli), attraverso delle cassette chiuse esposte all’esterno, e delle donazioni di alimenti o altri prodotti da parte dei soci (queste presso i Circoli Arci Cascine, Monterappoli, S. Andrea e Casa del Popolo a Limite sull’Arno). Inoltre, saranno anche punti di consegna dei beni a coloro che ne avranno fatto richiesta. E soprattutto, con particolare riferimento a quelli che hanno ripreso le attività di domicilio e asporto e che riprenderanno quelle di somministrazione una volta che ce ne sarà la possibilità, raccoglieranno risorse provenienti dalla loro attività che confluiranno in un fondo di solidarietà con il quale acquistare i prodotti di cui ci sarà bisogno. Questa rete sarà implementata da Re.So. che offrirà a sua volta alimenti e prodotti frutto delle raccolte effettuate in queste settimane, ma anche la propria esperienza pluriennale in questo campo. E dai volontari Arci e dai militanti di “Settembre Rosso”, associazione politico-culturale affiliata Arci che già durante l’emergenza sanitaria è stata attiva nella distribuzione di dispositivi di protezione e di alimenti. Il progetto ha come finalità quella di garantire la capillarità e una distribuzione equa su tutto il territorio. Per questo motivo, gradualmente, si espanderà , con il consenso e l’accordo delle amministrazioni, su tutti i Comuni dell’Unione. Per maggiori informazioni rimandiamo alla pagina Facebook Il Pane e le Rose e ai contatti sopra ricordati.

15.05.2020 – Arci Comitato Territoriale Empolese Valdelsa APS

 

#Giustaitalia – Patto per la ripartenza

#Giustaitalia – Patto per la ripartenza

Un manifesto con 18 proposte concrete rivolte al Governo e al Parlamento per una società nuova, libera da mafie e corruzione

Un manifesto con 18 proposte concrete rivolte al Governo e al Parlamento per una società nuova, libera da mafie e corruzione

Diritti sociali, Trasparenza degli appalti, Sostegno alle imprese
al centro delle azioni del manifesto presentato da
Libera insieme ad associazioni, organizzazioni sindacali, rappresentanti di enti locali e del mondo delle imprese

Luigi Ciotti: “La lotta contro la pandemia può e deve essere anche l’occasione per risanare la nostra democrazia!

Un manifesto per far ripartire l’Italia uscendo dalla cultura dell’emergenza e affermando quelle delle regole. #Giustaitalia, un “Patto per la Ripartenza” fondato sull’etica della responsabilità promosso da Libera con Avviso Pubblico, Legambiente, Arci, Rete dei Numeri Pari, Rete della Conoscenza, Fuci, Centro Studi Pio La Torre, Cooperare con Libera Terra, Acsi, Us Acli, Cngei, Fondazione Interesse Uomo, Cgil, Cisl, Uil.

Diciotto proposte concrete rivolte al Governo e al Parlamento, perché ascoltino la voce della società civile, del mondo del lavoro, delle imprese, degli enti locali, di tutti coloro che, hanno a cuore la ripartenza del nostro Paese nella legalità e nella giustizia sociale. Diciotto proposte suddivise in tre aree strategiche per mettere al centro i diritti sociali, assicurare la trasparenza nella gestione degli appalti, prevedere la tracciabilità del sostegno alle imprese , applicando bene e senza scorciatoie le norme che già esistono; garantendo diritti fondamentali, come il lavoro, la casa, il reddito, l’istruzione e la salute; lottando contro tutte le forme di povertà, a cominciare da quella educativa che colpisce le giovani generazioni; recuperando gli oltre 100 miliardi di euro sottratti annualmente alla collettività dall’evasione fiscale, per sostenere la nostra economia e ridurre il carico fiscale alle famiglie italiane.

L’Italia – scrivono le associazioni nel Manifesto- può ripartire davvero, dopo il lungo isolamento a cui è stata costretta dalla pandemia del Covid 19, solo se non si commettono gli errori del passato. Quelli che hanno trasformato ogni emergenza, dai terremoti alla gestione dei rifiuti fino al dissesto idrogeologico, in una nuova opportunità di arricchimento e di crescita del potere delle mafie e, più in generale, di quei sistemi criminali fondati sul disprezzo delle regole, la corruzione, l’accumulazione illecita di profitti, che già condizionano la nostra democrazia.

Voci autorevoli, come la Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo , la Banca d’Italia e il ministero dell’Interno, hanno già segnalato i pericoli concreti a cui andiamo incontro, nella gestione degli appalti e delle risorse finanziarie. Mafie, corruzione, criminalità economica e ambientale sanno sfruttare l’allentarsi delle regole, in nome di una legittima urgenza ma approfittano anche dell’acutizzarsi delle povertà, per conquistare consenso sociale e riciclare i capitali accumulati illegalmente, anche attraverso l’usura.

“Giusta Italia”- commenta Luigi Ciotti, presidente nazionale di Libera- perché non basta “aggiustare”: bisogna ripristinare giustizia, altrimenti il cambiamento si ridurrà ad adattamento. Le mafie uccidono – e lo sapevamo – ma oggi scopriamo che anche la corruzione e la privatizzazione dei beni comuni possono essere strumenti di morte. Non sarebbe così alto il numero delle vittime della pandemia se avessimo avuto un sistema sanitario più forte, in grado di monitorare, proteggere e curare con tutti gli strumenti necessari. E prima ancora politiche sociali in grado di garantire quei diritti che stanno alla base di una democrazia viva: il lavoro, la casa e la scuola. È necessario considerare le politiche sociali come un investimento, un volano di sviluppo non un costo da contenere. Ecco allora il senso di “Giusta Italia”. Senso di un impegno per costruire un futuro davvero nuovo. Non scambiamo per futuro il ritorno a una normalità malata! La lotta contro la pandemia può e deve essere anche l’occasione per risanare la nostra democrazia!”

Aumentare le risorse in dotazione al Fondo per la lotta alla povertà educativa; sospendere, o in alternativa, ridurre drasticamente gli affitti regolati dal mercato; bloccare le procedure esecutive di sfratto; estendere il reddito di cittadinanza e realizzare, al tempo stesso, la costituzione di un reddito di emergenza; istituire un fondo di 5 miliardi di euro a sostegno degli enti locali, per garantire servizi fondamentali per la coesione sociale, investimenti e occupazione sui territori; regolarizzare tutti i lavoratori e le lavoratrici migranti presenti in Italia, ma attualmente sprovvisti di un regolare titolo di soggiorno. E ancora applicare gli strumenti di assegnazione, anche in situazioni di urgenza, già previsti dal Codice degli appalti, senza ulteriori deroghe; prevedere meccanismi di controllo preventivo e incrociato sulle imprese attraverso l’utilizzo sinergico delle banche dati; escludere da qualsiasi beneficio le imprese oggetto di procedimenti penali per reati gravi (associazione a delinquere di stampo mafioso, corruzione, frode, delitti ambientali etc.) e quelle che pagano le imposte nei paradisi fiscali, pur operando in Italia. Infine garantire la tracciabilità dei flussi di risorse finanziarie destinate alle imprese e del loro utilizzo coerente, con l’indicazione conti correnti dedicati e l’assegnazione di un codice identificativo. Sono queste le principali azioni messe al centro del manifesto per far ripartire il Paese. Un patto di assunzione di responsabilità collettiva, per presentare al Governo e al Parlamento un elenco di proposte concrete per rilanciare l’economia, abbattere le disuguaglianze sociale, combattere le diverse forme di povertà. L’Italia può, e deve, raccogliere questa sfida.

Le 18 proposte

Diritti sociali

1. Aumentare le risorse in dotazione al Fondo per la lotta alla povertà educativa, al fine di rafforzare le attività di contrasto alla dispersione scolastica;
2Sospendere, o in alternativa, ridurre drasticamente gli affitti regolati dal mercato, bloccare le procedure esecutive di sfratto e prevedere un contributo per le famiglie in condizioni di povertà assoluta nel periodo di crisi economica causata dal Covid- 19;
3. Estendere il reddito di cittadinanza e realizzare, al tempo stesso, la costituzione di un reddito di emergenza per raggiungere tutti coloro che sono esclusi da ogni altro intervento di sostegno;
4. Rilanciare e rafforzare il Sistema sanitario nazionale, riqualificando tutta la rete dei servizi sanitari territoriali;
5. Istituire un fondo di 5 miliardi di euro a sostegno degli enti locali, per garantire servizi fondamentali per la coesione sociale, investimenti e occupazione sui territori;
6. Regolarizzare tutti i lavoratori e le lavoratrici migranti presenti in Italia, ma attualmente sprovvisti di un regolare titolo di soggiorno;
7. Approvare un Piano di interventi pluriennale per persone senza dimora, comunità Rom e persone in condizione di detenzione, tra le più colpite dagli effetti, economici e sociali, della pandemia.

Appalti

8. Rafforzare e qualificare le Centrali uniche di committenza, senza ulteriori deroghe ed elevandone le competenze tecniche;
9. Limitare alla sola fase emergenziale acuta il ricorso ai commissari con poteri straordinari;
10. Applicare gli strumenti di assegnazione, anche in situazioni di urgenza, già previsti dal Codice degli appalti,
 senza ulteriori deroghe;
11. Abrogare la Legge 55/2019 (Sblocca Cantieri), ripristinando il D.Lgs. 50/2016 (Codice dei Contratti Pubblici);
12. Prevedere meccanismi di controllo preventivo e incrociato sulle imprese attraverso l’utilizzo sinergico delle banche dati esistenti, inasprendo le sanzioni in caso di affermazioni non veritiere e di inadempimento;
13. Rafforzare l’Autorità nazionale anticorruzione, anche attraverso la nomina del suo Presidente, quale autorità di supervisione del sistema degli appalti;
14. Valorizzare i sistemi di raccolta delle segnalazioni dei cittadini su speculazioni e inosservanze delle regole;
15. Semplificare e migliorare le procedure di informazione e partecipazione previste nelle Valutazioni d’impatto ambientale, per nuove opere, sia pubbliche che private.

Aiuti alle imprese

16. Escludere da qualsiasi beneficio le imprese oggetto di procedimenti penali per reati gravi (associazione a delinquere di stampo mafioso, corruzione, frode, delitti ambientali etc.) e quelle che pagano le imposte nei paradisi fiscali, pur operando in Italia.
17. Introdurre l’autocertificazione obbligatoria per le imprese beneficiarie circa l’assenza di motivi ostativi alla concessione dei benefici previsti;
18. Prevedere la tracciabilità dei flussi di risorse finanziarie destinate alle imprese e del loro utilizzo coerente, con l’indicazione conti correnti dedicati e l’assegnazione di un codice identificativo.

25 Aprile 2020: l’elenco delle iniziative Arci su tutto il territorio nazionale – Libertà è Resistenza

25 Aprile 2020: l’elenco delle iniziative Arci su tutto il territorio nazionale – Libertà è Resistenza

ARCI, ‘25menouno – Resistenti tutto l’anno’: una maratona di artisti per la Festa della Liberazione

Una maratona di artisti per celebrare il 25 aprile: l’evento organizzato per la Festa della Liberazione 2020 dall’ARCI nazionale.
La Libertà è Resistenza sono le parole scelte da ARCI per il 25 aprile di quest’anno che rappresenta, oggi più che mai, il momento per guardare al futuro riaffermando con forza i valori della Resistenza, della Costituzione e della democrazia.
L’emergenza sanitaria non ha fermato la nostra comunità e sono centinaia gli appuntamenti promossi dall’ARCI in tutta Italia per il 25 aprile tra letture, film, video, approfondimenti, trasmissioni ed incontri social. Tra questi anche:
‘25menouno – Resistenti tutto l’anno’, una maratona di artisti in programma venerdì 24 aprile a partire dalle 17.30.

Interverranno a ‘25menouno – Resistenti tutto l’anno’ :
Alberto Bertoli / Andrea Rivera / Andrea Satta / Ascanio Celestini / Cisco / Colombre / Cristiano Godano / Danilo Sacco / Dario Vergassola / Enrico Capuano / Erica Mou / Frankie hi-nrg mc / Fulminacci / Gene Gnocchi / Giobbe Covatta / Giuseppe Cederna / Inti-Illimani Histórico / Luca Morino Mau Mau / Madaski / Pino Marino / Piotta / Syusy Blady / Vito.

Per ARCI interverranno la Presidente nazionale Francesca Chiavacci, Elisa Gambardella (Arci Bruxelles) e Massimo Cortesi (Coordinatore area Memoria e Antifascismo per Arci nazionale e Presidente Arci Lombardia).
Previsto anche l’intervento di Stefano Barbieri presidente dell’ANPI di Carpi.

‘25menouno – Resistenti tutto l’anno’ sarà trasmesso in diretta dalle 17.30 di venerdì 24 aprile sulla pagina Facebook di ARCI Nazionale. (https://it- it.facebook.com/IscrivitiallArci/)

Tra gli appuntamenti per il 25 aprile ricordiamo, tra gli altri, l’audio-presentazione del libro ‘La bella resistenza. L’antifascismo spiegato ai ragazzi’ a Mantova, le decine di iniziative in Toscana e la diretta di Novaradio di Firenze, il progetto in Puglia, sulla pagina Facebook di Arci Bari, “Ogni giorno fa notte – parole per una prossima liberazione” con la pubblicazione di video autoprodotti che raccolgono lettere e testimonianze di pugliesi che hanno conosciuto la prigionia, il confino o l’internamento durante il ventennio fascista.

—-> SCARICA QUI I MATERIALI DI COMUNICAZIONE SUL 25 APRILE <—–

Ecco l’elenco delle iniziative organizzate dai circoli Arci su tutto il territorio nazionale:

ABRUZZO

Pescara – In occasione del 75° anniversario della Liberazione dal nazifascismo ARCI Pescara collabora al programma di celebrazioni organizzato da ANPI Sezione Provinciale E. Troilo di Pescara “25 APRILE 2020: RINASCERE”, che prevede per tutta la giornata una serie di iniziative e contenuti che saranno condivisi attraverso i canali social. La giornata prevede contributi di grande rilievo culturale, intellettuale e artistico, tra cui l’intervento di Moni Ovadia previsto alle ore 11.00. Il Presidente di ARCI Pescara Valerio Antonio Tiberio interverrà alle ore 16.00 in una discussione su “The Day After, quale normalità dopo l’emergenza” con Enzo Di Salvatore (Università di Teramo), Luca Prosperi (Giornalista), Enzo Fimiani (Università di Chieti – Pescara), modera Lucio Scenna (Docente di Storia e Filosofia). Il Circolo CuntaTerra, in collaborazione con il circolo Atelier010, produrrà un contenuto video con letture e canti partigiani della Brigata Majella. (per seguire l’iniziativa www.facebook.com/anpipescara/)

 

EMILIA ROMAGNA

Cesena – In occasione del 25 Aprile il Comitato ARCI di Cesena propone il film “Quale Patria”. Si tratta di un film documentario di 50 min. che abbiamo prodotto insieme all’ANPI di Forlì-Cesena e all’Istituto Storico della Resistenza di Forlì-Cesena , sui fatti accaduti nel cesenate fra la caduta di Mussolini e la Liberazione. Informazioni utili: https://filmfreeway.com/QUALEPATRIA

Bologna – Due appuntamenti di Arci Bologna e Fondazione Gramsci Emilia-Romagna dal titolo: La Resistenza. Donne e uomini che scelgono trasmessi in diretta Facebook. Due dialoghi nei quali si affronterà il tema della scelta per la #Resistenza, nelle sue declinazioni storiche, filosofiche, morali e politiche. La scelta come luogo fondante e costante di un impegno; di un modo nuovo di vivere il proprio essere donne e uomini. Prima, durante e dopo la lotta di liberazione.
Martedì 21 aprile Matteo Cavalleri, Fondazione Gramsci Emilia-Romagna Toni Rovatti, Università di Bologna.
Venerdì 24 aprile 2020, ore 17.00 Valeria Babini, Università di Bologna – Enrico Pontieri, Fondazione Gramsci Emilia-Romagna.
Gli appuntamenti saranno in diretta streaming sulla pagina Facebook di Arci Bologna. Durante la diretta, il pubblico potrà commentare e inviare le proprie domande ai relatori.

Info: https://www.facebook.com/events/586075105339694/

Ferrara – 25 aprile ore 19.00 in Prima Visione Memoryscapes sound live – Liberazione. Una pellicola 16mm girata dall’allora ventiduenne Antonio Marchi e sonorizzata dal vivo da Stefano Pilia, Xabier Iriondo, Nicola Manzan, Cabeki.

Le immagini d’archivio mostrano un inverno tetro, in cui “neppure gli uccelli erano liberi”. Ma poi ecco all’improvviso la rinascita: “col sole e la primavera, un giorno, arrivarono i partigiani”. E con la liberazione tutti finalmente uscirono e cominciarono a ballare. E’ il 25 aprile del 1945, è la nostra storia, è ancora oggi.

Un progetto di Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia e Ferrara Sotto Le Stelle Festival in collaborazione con Kiné e Istituto Storico Parri – Emilia-Romagna.

Le clip selezionato fanno parte del progetto Memoryscapes, la prima piattaforma digitale italiana dedicata al film privato https://homemovies.it/digital-archives/

Regione Emilia-Romagna Cultura Emilia-Romagna LepidaTV Emilia-Romagna Film Commission.

Ferrara – FERRARA SOTTO LE STELLE PRESENTA “STEP UP – UN’IDEA DI FESTIVAL”. Il 25 aprile parte la seconda fase con performance musicali in diretta social, una trasmissione web di approfondimento e un corso di formazione per condividere competenze e contenuti.

Evento fb: https://www.facebook.com/events/220147799284420/


FRIULI VENEZIA GIULIA

Udine e Pordenone– Circolo Arci MissKappa Udine e Pordenone (misskappa.arci@gmail.com). Il Circolo Arci MissKappa di Udine festeggerà il 25 aprile con la pubblicazione quotidiana, fino a sabato, di video dalle associazioni che vivono il Misskappa, girati in occasione di questo 25 aprile 2020. Ogni associazione racconterà la propria Resistenza: Arcigay Friuli, Coro Popolare della Resistenza, Circolo Arci BarSport APS e AIAB FVG, CCFT Circolo Arci, Ospiti in Arrivo onlus. Sabato saranno pubblicate le iniziative dell’Anpi Udine e alle 18 di sabato 25 aprile tutte e tutti sulla pagina del “CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia” per la sua iniziativa #iosonomecenate che Ospiterà il Coro Popolare della Resistenza, un progetto dell’ANPI di Udine, del Circolo Arci MissKappa e dell’ARCI Udine Pordenone.

Seguite la pagina facebook del Circolo Arci MissKappa: https://www.facebook.com/circolo.misskappa/

Il Circolo ARCI GONG (bassa friulana ed isontino) ha organizzato per il 25 aprile un evento Facebook in collaborazione con Circolo ARCI Skianto!, Circolo EventualMente, Circolo Arci Bassa Friulana ed Isontino, Giulio Scaramella, pianista. Per seguire l’evento: https://www.facebook.com/events/543111009687557/


LIGURIA

Il 25 aprile su Arci Liguria e Arci Genova performance musicali in diretta social, una trasmissione web di approfondimento e un corso di formazione per condividere competenze e contenuti.

LOMBARDIA

Brescia – Pastasciuttata della liberazione

Riprendiamo la pastasciuttata antifascista di Alcide Cervi del 25 luglio 1943, riproposta con lo stesso spirito per i festeggiamenti del 25 aprile 2020.
Quest’anno purtroppo non possiamo condividerla se non virtualmente. Che sia lo stesso un modo per sentirsi vicino a tutte e tutti; in modo particolare a chi è in difficoltà, malattia o ha perso persone care.
W l’Italia, W il 25 aprile.

Fai la tua pasta rossa, con la tua ricetta personale e pubblicala su Cremlino – Casa del Popolo

Divano Unplugged Resistente – Live 25 Aprile
Il Divano Unplugged si veste di rosso: in occasione del 25 aprile abbiamo preparato un’edizione speciale in musica e poesia!
Per questa volta non sarà un Open Mic, quindi possiamo già svelarvi i protagonisti di questa puntata resistente.

Con noi la musica di:

ISAIA MORI
Rocco Rosignoli
Nic Garrapatero (GARRAPATEROS)

e le letture partigiane di:

Marta Castignola (Arci Brescia)
Cinzia Benini (ANPI Sezione di Travagliato)
Serena Guidoni

Buon 25 aprile!

Cremlino – Casa del Popolo ANPI Borgo San Giacomo e Ottobre, cent’anni di sovietudine mettono a disposizione dei cittadini di Borgo San Giacomo, per chi ne ha bisogno o per chi ne fosse sprovvisto, delle confezioni di pasta e di pomodoro da ritirare liberamente la mattina del 25 aprile presso il circolo stesso: Arci Casa del Popolo in via Gabiano a Borgo San Giacomo.
Le confezioni avanzate saranno successivamente disponibili presso lo spazio “se puoi dona, se non puoi ricevi” Oratorio Borgo San Giacomo

Cremona – Per il 25 Aprile Comitato e circoli Arci di Cremona segnalano:

– il circolo Arcipelago pubblica in questi giorni sulla propria pagina Facebook e Instagram la rubrica di 9 appuntamenti dal nome “STAFFETTA PARTIGIANA DIGITALE – La Resistenza nelle Arti – Verso un 25 Aprile diverso”.

– Per il 24 Aprile pubblicheremo sulla pagina Facebook e Instagram di Arci Cremona una playlist di canti partigiani (Spotify e Youtube) con i relativi testi.

– Sulla pagina Instagram di Arci Cremona faremo un sondaggio di due o tre giorni sul significato di libertà (o di 25 aprile) e pubblicheremo le risposte il 25 Aprile.

– Come Arci Cremona vogliamo omaggiare il partigiano cremonese, comandante della Brigata Garibaldi, Kiro Fogliazza, ormai scomparso qualche anno fa, costruendo la pagina Wikipedia in suo onore. Speriamo di riuscire a pubblicarla proprio dal 25 aprile.

– I circoli Arcipelago, Ombriano, Alice nella città e altri se si aggiungeranno, faranno una diretta in cui ci saranno momenti di letture brevi, canti e musica il pomeriggio del 25 aprile.

Anpi Cremona ha chiesto all’amministrazione locale di poter amplificare “Bella Ciao” dalle finestre del Palazzo del Comune alle 15 del 25 aderendo così all’appello di ANPI Nazionale.

Mantova – Iniziativa del circolo Micromacchina-Comunicare la società APS.

ASSAGGIO DI LIBRI E IL 25 APRILE. In occasione della Festa della Liberazione i ragazzi e le ragazze di “Assaggio di Libri” propongono l’audio-presentazione del libro “LA BELLA RESISTENZA – L’ANTIFASCISMO SPIEGATO AI RAGAZZI” di Biagio Goldstein Bolocan (Feltrinelli, 2019) sperando che a qualche loro coetaneo venga voglia di leggerlo!

Il PODCAST si trova al seguente link https://www.spreaker.com/user/12107003/la-bella-resistenza

Ma c’è di più: invitano altri ragazzi e ragazze a realizzare un assaggio di un libro che hanno letto sul tema della resistenza e mandarlo alla redazione di Assaggio di Libri per la pubblicazione online. Per partecipare basta fare una recensione di un libro (o con un audio o con un testo) e inviarla via mail a micromacchina@gmail.com con allegata la liberatoria firmata dai genitori che si scarica dal seguente link https://assaggiodilibri.wordpress.com/partecipa/

Mantova – Arci Dallò di Castiglione delle Stiviere (www.arcicastiglione.it) per il 25 aprile 2020 ha organizzato iniziative su tre giorni. Tutti i dettagli ed i link: https://www.facebook.com/events/579898052632560/

Circolo ARCI Gagarin, (Busto Arsizio, Varese). Letture Resistenti: il 25 aprile del Circolo Gagarin. Il 25 Aprile resta per il Circolo Arci Gagarin di Busto Arsizio la festa più bella di tutto l’anno. Non possiamo passarla insieme, ma proprio per questo vogliamo condividere con tutti i soci e gli amici qualcosa di diverso dal solito. Lunedì 20 aprile 2020 abbiamo iniziato a leggere, e condividere sui nostri canali social, le pagine che più amiamo tra quelle che hanno raccontato la Resistenza, e che per noi rappresentano davvero ciò che vogliamo dire quando diciamo Liberazione. Leggeremo ogni sera un libro diverso, fino al 25 aprile. Abbiamo iniziato con alcune pagine tratte da L’Agnese va a morire, di Renata Viganò, lette da Carolina: https://www.facebook.com/watch/?v=714448209357993 Le letture proseguiranno per tutta la settimana, fino al 25 aprile, quando pubblicheremo tutti i contributi che ci arriveranno da soci, volontari e amici del Circolo: quali sono i libri che raccontano meglio la Liberazione? Leggiamoli insieme. Per partecipare basta mandare una mail a info@circologagarin.it

Como – Evento organizzato da Arci Como e Anpi Como. 25 ore di video per il settantacinquesimo anno della Liberazione nel primo anniversario dove non è possibile celebrarla in piazza. Un impegno attivo di Anpi e Arci Como per tenere accesa la fiamma della memoria anche in questo periodo di isolamento, perché anche se siamo distanti la libertà ci unisce tutti: quella che ci permetterà di cantare Bella ciao in balcone e ascoltare le voci di chi la Liberazione l’ha vissuta in prima persona. Numerose le testimonianze e i contributi che ci aspettano: da Guglielmo Invernizzi (presidente provinciale Anpi Como) e Piero Cossu (Vicepresidente nazionale Anpi) a Luigino Nessi con il suo discorso del 25 aprile 2019 davanti al monumento alla Resistenza Europea, fino a Wilma Conti (staffetta Partigiana). Inoltre, documentari sulla Liberazione a Como e fuori presenti nei nostri archivi; interviste, video, la musica dei 7GRANI e altro a cura di amici e collaboratori e uno speciale collegamento “live” al corteo virtuale Dongo-Milano di Radio Popolare, accompagnato da immagini e foto d’epoca. Sarà una maratona da correre come correvano allora le staffette, per respirare anche da casa il profumo della democrazia e della libertà. Quello di quel fiore che la più famosa canzone sulla Resistenza canta. https://www.facebook.com/events/221324489296147/

MARCHE

Per il 25 aprile Arci Marche ha creato un evento FB per raccogliere i vari eventi nella regione, per o verso il 25 aprile. «Maratona resistente verso (e oltre) il 25 aprile: Le memorie di ieri per costruire quelle di oggi». https://www.facebook.com/events/521052625260009/

I prossimi eventi:

1) Jesi, fino al 24 aprile, ogni giorno alle ore 10.00: Il nostro 25 aprile: una storia e una canzone al giorno, per sette giorni, a cura di Arci Voce aps e Vi Cunto e Canto band (Arci Jesi Fabriano);

2) Ascoli, 24 aprile, ore 12.00: “Tracce R-Esistenti. Memoria e partecipazione.”, Ascoli Piceno, video curato dal Comitato Arci Piceno Fermano in collaborazione con altre associazioni; il video sarà pubblicato su un canale youtube e condiviso sulla pagina fb del Comitato: https://www.facebook.com/arcipicenofermano/

3) Monsampietro Morico (Ap), 25 aprile: a cura del Circolo Arci “Il Grillo”, pubblicazione di un video sul 25 aprile per discutere sui valori della Resistenza e della Costituzione.

4) Recanati (Mc), 25 aprile, dalle ore 10.00 per tutto il giorno: Liberazione, una grande piazza virtuale. Interventi, musica e racconti; flash mob con bella Ciao alle ore 15.00; il Circolo Arci La Serra e l’Arci di Macerata partecipano all’evento insieme ad Anpi e altre associazioni ed enti del territorio per una iniziativa congiunta.

5) Balforte del Chienti (Mc), 25 aprile, dalle ore 16.00 alle 19.00: “CASE rESISTENTI”, a cura del Circolo Arci Radeche Fonne insieme ad “Anpi 5 comuni”: video, musica, canti e racconti che saranno pubblicati in sequenza sulla pagina fb del circolo: https://www.facebook.com/RadecheFonne/ 

Indirizzo dell’evento FB: https://www.facebook.com/events/1868535433277445/

PIEMONTE

E’ attivo il nuovo sito web Arci Piemonte. Viene dedicata una pagina alle iniziative piemontesi per il 25 aprile 2020 che verrà aggiornata man mano di notizie dai territori: https://www.arcipiemonte.it/notizie/136/25-aprile-2020.html

Torino – L’Associazione ArTeMuDa affiliata ARCI segnala tre video prodotti nei giorni scorsi da ANPI Sezione Chiomonte-Alta Valle di Susa “Maria Teresa Gorlier e Attilia Ronsil” e Associazione ArTeMuDa (www.artemuda.it), pubblicati sul canale YouTube di ArTeMuDa:

– Quattro volte 25 aprile <https://youtu.be/z2wOr2rgmAw>

– Maria Teresa Gorlier – Staffetta Partigiana <https://youtu.be/9Qe6nS5pDn8>

– Partigiani alle Ramats <https://youtu.be/HcJ0w0f5A9w>

Torino – Il Circolo B-locale segnala questa sua iniziativa: https://www.facebook.com/events/527269911496104/

Cuneo – ArciCuneo-Monviso

Sabato 25 aprile – ore 17 proiezione in streaming di Neve Rosso Sangue di Daniel Daquino con Introduzione del film da parte del regista. Link dello streaming dal sito: www.arcipiemonte.it

Neve Rosso Sangue (2015) di Daniel Daquino durata: 36 min.

ANPI Sez. di Verzuolo e Valle Varaita. Euro Film s.r.l. (Torino) in collaborazione con BabyDoc Film S.n.c. (Torino).

Sinossi:

Valmala (CN), 6 marzo ’45. Un gruppo di partigiani è accampato al santuario di Valmala per conteggiare le forze a disposizione a rientro dall’inverno e per stabilire il da farsi nei mesi successivi. La guerra sta quasi per finire.

Caterina, staffetta partigiana, si nasconde perché ricercata dai fascisti.Viene a sapere che gli alpini della Div. Monterosa, Btg. “Bassano” della RSI, intendono fare un rastrellamento all’accampamento. Fermata dall’amica Maria e dal fratello, non può andare ad avvertire il gruppo, e la mattina del 6 marzo l’intero distaccamento di partigiani garibaldini viene attaccato.

Asti-Langhe-Roero – Liberazione dalla paura: 1945 – 2020 | 75 anni di 25 aprile #Bell*Ciao. Questo il 25 aprile di Cinema Vekkio (Corneliano d’Alba), Laboratorio sociale Chabas (Alba), La Casa Rotta (Cherasco) e ARCI Asti, Langhe e Roero insieme al Collettivo Vicol Thanks, Cultura in Movimento, Collettivo Filonauti, Collettivo Scirò, Collettivo Transfemminista, TANAro Libera Tutti, Associazione Lauto Educare e Collettivo Mononoke. Programma: ore 10.00 Video “CSI – Guardali negli occhi” a cura del Collettivo Vicol Thanks: ore 10.30 Presentazione del Volantino “I coglioni e l’ombelico” a cura del Laboratorio Sociale Chabas; ore 11.00 Video #AntidotoKamishibai “Il Partigiano Lulù” a cura di Cultura in Movimento; ore 14.00 Video “Il mondo degli ecovillaggi, un esempio di resistenza ecologica non violenta” a cura di LaCasaRotta; ore 14.30 “Quale libertà”, articolo sull’etica ai nostri tempi a cura del Collettivo Filonauti; ore 15.00 Video Performance Luis Sepulveda “Le donne della mia generazione” Muoviamo parole rivoluzionarie, narrarono della ribellione alle ingiustizie a cura del Collettivo Sciro’; ore 15.15 Video GAM for Emergency #restaacasaMalo e l’ audio-lettura “Immerse nella Donna Rivoluzionaria” Letture, Poesie, Storie e Riflessioni. a cura del Collettivo Transfemminista; ore 16.00 Testo scritto “Storia di straordinaria diserzione” ed il video dell’intervista a Giovanni Gerbi a cura del Laboratorio Sociale Chabas; ore 17.00 proiezione del cortometraggio “Neve Rosso Sangue” di Daniel Daquino proposto da Arci Asti, Langhe e Roero a cura di ARCI Piemonte ed Arci Cuneo-Monviso; ore 17.45 Video “Frammenti di liberazione dall’autoisolamento: parla Lorenza Balbo, figlia del Comandante Nord” e “Alessandro Sipolo: un canto dalla zona rossa, città invisibile” a cura di TANAro Libera Tutti; ore 18.15 Video dal titolo “E’ faticoso frequentare i bambini” a cura dell’Associazione Lauto Educare; ore 18.30 “Materiale Resistente” a cura del CIRCOLO ARCI CINEMA VEKKIO: musica con Lorenzo Bifera, Autobuskers, GANG e Cisco Bellotti, video-intervista al partigiano Elia Somenzi del Mononoke Collettivo e per concludere il TI AMO djset in diretta. Segui il programma su: https://www.facebook.com/events/285357479132737/

Arci Valle Susa-Pinerolo: 

ANPI MARTIRI DELLA LIBERTÀ APS

Fiaccolata Virtuale. Una luce per la libertà, venerdì 24 aprile 2020, ore 20.30 – Quest’anno la tradizionale fiaccolata del 24 aprile, in onore delle partigiane e dei partigiani che ci hanno donato con il loro sacrificio la pace e la libertà sarà sostituita dalla Fiaccolata Virtuale. A.N.P.I. Pinerolo e Città di Pinerolo invitano i cittadini ad accendere un lumino o una candela ed esporli con il tricolore sui propri balconi o alle finestre. Chi lo vorrà potrà postare sui social una foto menzionando le pagina Facebook Città di Pinerolo e A.N.P.I. Pinerolo. Qui il link all’evento.

#bellaciaoinognicasa, sabato 25 aprile 2020, ore 15.00 – Il 25 aprile alle ore 15, l’ora in cui ogni anno parte a Milano il grande corteo nazionale, invitiamo tutti caldamente ad esporre dalle finestre, dai balconi il tricolore e ad intonare Bella ciao. In un momento intenso saremo insieme, con la Liberazione nel cuore. Con la sua bella e unitaria energia. Qui il link al post.

ASSOCIAZIONE CULTURALE REVEJO

Diretta video PERT “Il senso della resistenza oggi”, venerdì 25 aprile 2020, ore 17.00 – Il 25 aprile si sarebbe dovuto chiudere, presso il Polo del ‘900 a Torino, un tour teatrale di due mesi, partito il 24 febbraio da Agrigento in Sicilia, legato allo spettacolo “Pert. Vita e miracoli del partigiano Sandro Pertini”. A causa dell’emergenza sanitaria i nostri si sono dovuti fermare dopo le prime tappe siciliane, ma hanno comunque continuato a raccontare le storie di resistenza quotidiane raccolte in quelle giornate. Il 25 aprile è la data più importante per il nostro Paese e per ciò che siamo, perciò ci teniamo a festeggiarlo. Ecco perché sabato, 25 aprile, alle 17.00 ci sarà una diretta sulla pagina facebook per raccontare “Pert”, lo spettacolo e le storie legate al progetto insieme ad Aldo e Giuseppe Rapè, e a Liber Theatrum. Qui il link al post.

DOPOTUTTO APS

Poesia resistente in lingua, sabato 25 aprile 2020, dalle ore 9.00 alle 20.00 –  Primo appuntamento dal titolo “Poesia Resistente in Lingua” della nuova rassegna “Poesia in Lingua” promossa dal Circolo Arci Dopotutto di Avigliana e che sarà condotta dal Poeta Andrea Laiolo. In questa occasione, per festeggiare insieme la giornata del 25 aprile, alcuni poeti leggeranno poesie in lingua originale sul tema della RESISTENZA. In collaborazione con il PRC Avigliana e in adesione alla campagna nazionale promossa da Arci dal titolo Resistenza virale – #iorestoacasa. Nomi dei poeti partecipanti: Andrea Laiolo, Dimitri Porcu, Claudia Murabito, Bruno Canu, Lucia Bisetti, Sonila Basha Hyseni. Poesie Resistenti in italiano, francese, sardo, spagnolo e albanese. Qui il link all’evento.

VIOLETA PARRA ASD

Malecorde, liberi di cantare, sabato 25 aprile dalle ore 17.00 – Il 25 Aprile da 75 anni è una data importante per la storia dell’Italia. Il circolo Arci Violeta Parra, vuole celebrare insieme a voi l’anniversario della liberazione con una diretta sulla nostra pagina facebook dalle ore 17.00 e la musica delle Malecorde. Si ringrazia in anticipo il comune di Comune di Beinasco per il patrocinio e l’associazione A.N.P.I per la collaborazione. Qui il link al post.

PUGLIA

Bari – Ha per titolo “Ogni giorno fa notte – parole per una prossima liberazione” il progetto multimediale di Arci Bari verso il 25 aprile 2020. Fino a venerdì 24 aprile, sulla pagina facebook di Arci Bari verrà pubblicata una galleria di undici video autoprodotti che raccolgono lettere e testimonianze di Pugliesi che hanno conosciuto la prigionia, il confino o l’internamento durante il ventennio fascista e per poi ritrovare, in molti casi, la libertà. La video gallery è curata dal Comitato Territoriale ARCI assieme ai circoli ARCI di Bari e BAT e riunisce storie struggenti e avventurose che descrivono un quotidiano di privazioni e dolore, ma anche una solida fede nel futuro: un marito rincuora una moglie disperata, un padre chiede al maestro del figlio un aiuto nel recuperare i libri, una ragazza partigiana racconta ai nonni la fine eroica del caro padre, e poi agguati, sparatorie e fucilazioni, e il trionfale addio degli esuli da Ventotene nella voce di un ragazzo palestinese. Il titolo del progetto “Ogni giorno fa notte” è ispirato dalla lettera di un confinato gravinese. I video saranno pubblicati a partire dal 21 aprile sulla pagina www.facebook.com/arci.bari/

Lecce – Associati ARCI, ANPI, LINK E UDU per il 25 aprile stanno realizzando un collage di persone che canteranno insieme Bella Ciao. Inoltre posteremo quel giorno sui nostri profili associativi gli interventi dei vari responsabili, di docenti universitari, di sindaci sul valore del 25 aprile.

Maglie (Le) – Le socie ed i soci di ARCI Blioteca di Sarajevo accolgono l’invito di ANPI ad esporre il tricolore e a cantare dai rispettivi balconi alle 15,00 del prossimo 25 aprile 2020 Bella ciao in una forma collettiva di ricordo ma anche di speranza per la liberazione e la ripartenza da questi giorni. Nel ricordare il sacrificio di tutti i partigiani non possiamo certo dimenticare i magliesi caduti tra il 1943 e il 1944, vittime, come tanti, della persecuzione nazifascista: Antonio Pisino (Maglie 1917 –

Roma, Fosse Ardeatine 1943), Medico Longo (Maglie 1921 – Brescia, 1944), Ernesto Paiano (Maglie 1916 – Bolzano, 1944).

W il 25 aprile, W la libertà

 

SARDEGNA

Il circolo ARCI La Gabbianella Fortunata partecipa all’iniziativa #streamingresistente di RUAS – Rete Unitaria Antifascista Sulcis-Iglesiente. Tra i tanti contributi anche quello di Francesco Filippi, storico dell’associazione ARCI Deina, alle ore 16.30 “25 Aprile: una memoria solida. Un futuro incerto da costruire”. Dalle 18.00 Musica Resistente.

La Mattina letture e teatro, esperienze solidali dal territorio, interventi di tutte le associazioni partecipanti (ANPI Carbonia, Casa del Popolo Carbonia, La Cernita Teatro, Associazione Albeschida, ASCE – Associazione Sarda Contro l’Emarginazione, ISSASCO – Istituto Sardo per la Storia dell’antifascismo e della società contemporanea).

L’immagine dell’iniziativa e pdf con programma della giornata (scaricabile anche al link bit.ly/2XPSgWL).

Inoltre i ragazzi sardi che hanno partecipato al progetto Promemoria_Auschwitz 2020 di ARCI Deina stanno organizzando delle grafiche da pubblicare su Facebook con le loro riflessioni sul progetto e sulla sua importanza nel presente come parte della campagna #resistenzavirale.

 

SICILIA

Palermo – Il 25 aprile dell’Arci di Palermo si trasferirà su Radio Comunitaria. Il 24 aprile dalle 21 saremo in diretta con “liberi di cantare e di ballare”. Per il quinto anno consecutivo daremo il benvenuto al 25 aprile con una serata di musica online che si chiuderà a mezzanotte con Bella Ciao.

Il 25 aprile, dalle 17:00, saremo in onda con una maratona che raccoglierà molti contributi artistici del mondo arci ma non solo.

Per ascoltarci https://www.radio-comunitaria.org/

Arci Palermo e Arci Tavola Tonda

https://www.facebook.com/events/708270483252447/?notif_t=plan_user_invited&notif_id=1587125720404734VENERD%C3%8C%2024%20APRILE%202020%20DALLE%20ORE%2021%3A00%20ALLE%2000%3A00Liberi%20anche%20di%20ballare%20e%20cantare%20-%20Free%20also%20to%20sing%20and%20danceArci%20Tavola%20Tonda

Caltanissetta – Percorsi di resistenza, storie di donne che hanno resistito. Arci Territoriale di Caltanissetta ci accompagnerà giornalmente da sabato verso il 25 aprile attraverso un percorso storico fatto di donne per raccontare la storia tutta al femminile di chi ha resistito per affermare ancora una volta l’ideale della libertà e di quei diritti che a nessuno devono essere negati. Perché se per un uomo diventare libero è difficile, per una donna lo è doppiamente. Percorsi di resistenza vuole portare la consapevolezza dove a volte manca anche la speranza e lo fa attraverso esempi di donne indomabili che sono ancora validi, che sono ancora vessilli di lotta positiva e resistente.Il percorso continuerà anche oltre il 25 Aprile, per testimoniare che la rivendicazione della libertà non deve avere e non ha soltanto una data, ma è una rivendicazione che come un diritto si esige ogni giorno e ogni giorno vale.

 

TOSCANA

Firenze – Novaradio/Arci Firenze: diretta facebook da sede ARCI il 25 dalle 17 alle 20.

Pisa – Iniziativa organizzata in videoconferenza dal Circolo Curiel La Vettola.

Hanno deciso di intitolare, in occasione del 25 Aprile, il salone del circolo, ristrutturato e adibito ad attività sociali, a due soci storici, figure di rilievo, che hanno interpretato i valori di solidarietà e antifascismo: Madrigali Teseo deportato come prigioniero di guerra, socio fondatore della Casa del Popolo La Vettola. Viene ricordato in una delle prime feste all’aperto a vendere cocomeri e bibite con il suo apino, per finanziare l’acquisto della casa del Popolo; Mezzetti Niccolo partigiano della formazione “Boscaglia” in Valdicecina, trasferitosi alla Vettola attivo con il partito per dare supporto al quartiere, come la mobilitazione per richiedere l’apertura di una farmacia e per la ristrutturazione della Casa del Popolo. Iniziativa organizzata in maniera virtuale il 25 Aprile con una video conferenza, sperando di farlo dal “vivo” in occasione di una festa a fine emergenza il 25 ottobre.

Pisa – Segnaliamo due eventi organizzati dal Circolo Putignano per bambini ed adolescenti:

1) Sfida quiz on line per bambini dai 4 ai 9 anni https://www.facebook.com/events/2539660322966601/

2) grande sfida quiz Online per maggiori di 16 anni, si tratta di una edizione speciale “Aspettando il 25 aprile”, nel quiz sono presenti domande sul tema della Resistenza e della Liberazione https://www.facebook.com/events/222796612387399/

Pisa – Re-Play Associazione Culturale // Caracol Contemporanea Casa del Popolo

25 Aprile 2020 ore 18:00 in live streaming: “Il no mite, deciso e rivoluzionario di Leone Ginzburg”.
La festa della Liberazione attraverso alcuni brani del libro di Antonio Scurati “Il Tempo migliore della nostra vita”

Legge Melania Ceccarelli

Valdera (Pi) – Il Circolo L’Ortaccio festeggerà il 25 aprile condividendo tramite Fb pensieri, canzoni, riflessioni dei propri soci e di tutti coloro che vorranno condividere questo momento. Per l’occasione l’Orcoro, il coro dell’Ortaccio, pubblicherà una versione di “Bella ciao” realizzata a distanza ma nella vicinanza di ideali e sentimenti. Non mancheranno i saluti del socio più anziano, reduce di una famiglia colpita dalla ferocia nazifascista.

Comitato 25 aprile. Da piazza della Resistenza alla piazza virtuale. Video, interviste, dirette e performance esclusive degli artisti e dei protagonisti della manifestazione dal 2004 a oggi. Quest’anno, l’evento si trasferisce da Piazza della Resistenza alla piazza virtuale, con l’obiettivo di far vivere comunque per questa giornata i temi della Resistenza, dell’antifascismo e della libertà. E lo si farà nello stile del 25 Aprile a Fornacette: con tanta musica, dal vivo e non, performance esclusive, interviste agli artisti e ai protagonisti di 15 anni della manifestazione. A coadiuvare l’organizzazione, quest’anno ci sarà anche PuntoRadio Cascina, consolidato media partner dell’evento, che dalle 18 alle 20 avrà il compito di condurre una finestra in diretta sulla giornata. Hanno già dato conferma della loro presenza Bobo Rondelli, Piotta, Francesco Moneti (MCR), Luca Lanzi (La Casa nel Vento), Erriquez Finaz e Donbachi (Bandabardò), Peppe Voltarelli, Ginevra Di Marco e Francesco Magnelli (CSI, Stazioni Lunari) ai quali si aggiungeranno altri ancora. A partire dalle ore 15 di sabato per cantare tutti insieme “Bella Ciao” e successivamente per partecipare, condividere e commentare l’evento fino a sera.

Siena – Arci Siena – Aspettando il 25 aprile:

VENERDI’ 24 APRILE a partire dalle ore 9.30, sulla pagina facebook Arci Siena lettura integrale de “Una questione privata” di Beppe Fenoglio, con il contributo video di oltre 30 tra Presidenti di Circolo, Anpi, Istituzioni. Alle ore 18 evento di chiusura sulla pagina facebook Piranha Social Club con DJ Resistente, musica e immagini resistenti

SABATO 25 APRILE alle ore 12.00 sulla pagina facebook ICircolo di Pancole i soci e le socie daranno vita a un corteo virtuale in compagnia di Bella ciao

alle ore 18.00 sulla pagina facebook Motus Compagnia proiezione del documentario ARTICOLOUNO (prodotto da MOTUS), video intervista al partigiano Silvano Sarti

Suvereto (Li) – Circolo Arci Suvereto: Le parole del 25 aprile. Rossano Pazzagli (docente di storia moderna all’Università del Molise e membro del Comitato Scientifico dell’Istituto Alcide Cervi) interviene sul significato del 25 aprile in 10 parole: memoria, liberazione, resistenza, territorio, partigiani, antifascismo, libertà, democrazia, costituzione, domani. Breve intervento audio-video accompagnato da «Oltre il ponte» (testi e musica di Italo Calvino e Sergio Liberovici)

Sabato 25 aprile, dalle ore 10 sulla pagina facebook del Circolo Arci «Elio Veracini», https://www.facebook.com/circoloarcisuvereto/

Camaiore (Lu) – L’Associazione Pedrasamba è impegnata nella realizzazione del video musicale “bella ciao a tempo di samba”, un video suonato con le nostre percussioni che vuole essere un omaggio alle F.E,B. e a tutti i partigiani italiani, creando un ponte ideale col Brasile attraverso la musica. I comuni di Camaiore e Massarosa, come ben saprete, furono liberati proprio dai brasiliani il 17 Settembre del ’44. Chiediamo collaborazione nella diffusione del video che uscirà sulle nostre pagine social e in streaming all’evento organizzato dagli Archivi della Resistenza di Fosdinovo il 25 Aprile. http://www.facebook.com/Pedrasamba http://www.instagram.com/Pedrasamba

Grosseto – Arci Comitato Territoriale di Grosseto insieme al Circolo Arci Festival Resistente organizzano: FESTIVAL RESISTENTE. LA XXII EDIZIONE E’ ONLINE! Il 25 aprile torna lo spettacolo della Resistenza. Dalle 14.30 alle 21.30 collegati ai nostri canali social o al nostro sito: www.festivalresistente.online Saremo insieme a tanti amici del mondo della cultura, dell’associazionismo, del cinema, del teatro e della musica che ci raggiungeranno da tutta Italia. E potrai anche intervenire in prima persona! 💥 Oltre le distanze, una maratona resistente per festeggiare insieme la Festa della Liberazione. Viva l’Italia, l’Italia che resiste. In collaborazione con Radio Zona Rossa. info@festivalresistente.it

Colle Val d’Elsa (Si) – 25 APRILE: CIRCOLI RESISTENTI. Un 25 aprile anomalo senza persone riunite ma che la nostra associazione festeggia sul web e con il pranzo resistente a domicilio organizzato dal Circolo di Monterappoli insieme ad altri Circoli Arci e all’ANPI. L’Arci aderisce al flashmob dell’Anpi e invita i soci a cantare Bella Ciao dalle finestre alle ore15.

 

TRENTINO ALTO ADIGE

Quest’anno l’iniziativa della festa al parco f.lli Michelin di Trento si sposterà sul Web: a partire dalle ore 18:00 di venerdì 24 aprile, per un paio di ore, si terrà “Primavera e musica in Resistenza – sul web!”. Cecilia Passarella di Sanbaradio condurrà una diretta che alternerà i momenti musicali che erano previsti al parco con momenti di riflessione. La diretta è prevista:
– sulla pagina facebook @arcideltrentino e sui profili social delle associazioni aderenti e
– sul canale youtube di @deinatrentino, sia da pc sia tramite smart tv.
Il link dei canali sarà anche disponibile sul sito www.arcideltrentino.it

La mattina del 25 aprile le tv locali trasmetteranno i messaggi istituzionali della cerimonia del Comune di Trento: ci saranno il presidente di Anpi Trentino, Mario Cossali, il sindaco di Trento Alessandro Andreatta, il Commissario del Governo Sandro Lombardi, il direttore del Museo Storico del Trentino Giuseppe Ferrandi. Raccogliamo l’appello di Anpi Nazionale ad affacciarsi dal balcone per cantare “Bella Ciao” alle 15:00 di sabato 25 aprile; per promuovere l’iniziativa, verrà lanciato un video realizzato dai partigiani di Trento e dai volontari della festa della Liberazione, che tradizionalmente si tiene al parco fratelli Michelin. L’iniziativa sarà in diretta sul sito www.25aprile2020.it e su www.larepubblica.it. Nonostante il particolare momento che stiamo vivendo riteniamo fondamentale poter offrire attimi di festa e di riflessione in occasione dei 75 anni della Liberazione dal nazifascismo. Oggi la parola libertà assume un significato nuovo per ognuno di noi. Viviamo una situazione inedita e per noi è importante ribadire che stare distanti non significa necessariamente essere lontani e che i riti civili trovano così il modo di rinnovarsi. Oltre la Resistenza, oggi facciamo appello alla nostra resilienza. Ringraziamo gli enti che sostengono l’iniziativa della Giornata della Liberazione, tra i quali la Provincia di Trento, il Comune di Trento, la circoscrizione Oltrefersina, l’Opera Universitaria, insieme agli artisti e alle volontarie e ai volontari che ogni anno rendono possibile l’iniziativa, sperando che sarà possibile riprendere dal prossimo anno la tradizionale festa. Arci del Trentino aps, Anpi del Trentino, Acli Trentine, Arcigay del Trentino,

Cgil del Trentino, Cisl del Trentino, Deina Trentino aps, Dulcamara aps – circolo Café de la Paix, Libera Trentino, Pequod aps – circolo Arsenale, Rete degli Studenti Medi Trento, Sanbaradio, Unione degli Universitari Trento, Uil del Trentino,

Uisp del Trentino.

Arci Bolzano:

Ecco l’elenco delle iniziative proposte da Ucca:

Venerdì 24 aprile #la libertà è resistenza

dalle 10,00 del mattino per tutto il giorno

Paisà di Roberto Rossellini

Seconda pellicola della Trilogia della guerra antifascista, è considerata una delle vette del cinema neorealista italiano. Girata con attori prevalentemente non professionisti, rievoca l’avanzata delle truppe alleate dalla Sicilia al Nord Italia attraverso 6 episodi: Sicilia, Napoli, Roma, Firenze, Appennino Emiliano, Porto Tolle.

Paisà è stato candidato ai Premi Oscar 1950 per la migliore sceneggiatura originale, ed è stato inserito nella lista dei 100 film italiani da salvare, ovvero le “100 pellicole che hanno cambiato la memoria collettiva del Paese tra il 1942 e il 1978”

Scemo di guerra – Roma 4 giugno 1944” regia Ascanio Celestini.

Il racconto della guerra vissuta da un ragazzino di borgata, Nino, padre di Ascanio Celestini, che il 4 giugno del 1944, giorno della Liberazione, attraversa Roma a piedi da Nord a Sud per tornarsene a casa insieme al padre, il Sor Giulio. Vincitore del Premio Ubu 2005 come nuovo testo italiano, ha debuttato nel 2004 alla Biennale di Venezia.

“Mussolini. Il figlio del secolo” regia  Alessandro Renna.

Il racconto degli eventi che vanno dalla fondazione nel 1919 dei Fasci di Combattimento, all’uccisione di Giacomo Matteotti e all’entrata effettiva nella dittatura, attraverso una selezione delle pagine del libro di Antonio Scurati lette da tre grandi attori italiani come Luca Zingaretti, Valerio Mastandrea, Marco D’Amore.

a cura di Ucca – Unione Circoli Cinematografici Arci  

https://www.uccaarci.com/resistenza-virale/

https://www.facebook.com/UCCApagina/

 

25 Aprile #la libertà è resistenza

Dalle 10,00 del mattino per tutto il giorno

Una Questione Privata Regia: Paolo, Vittorio Taviani

Durante i combattimenti della guerra di liberazione nelle Langhe, il partigiano Milton si divide tra la lotta contro i nazifascisti, l’amicizia per i compagni di brigata e il suo amore clandestino per Fulvia. Tratto dal romanzo omonimo di Beppe Fenoglio.

Con Luca Marinelli, Valentina Bellè, Anna Ferruzzo.

Naples 44 Regia: Francesco Patierno

Seconda Guerra Mondiale. Nel 1943 la Quinta Armata fa il suo ingresso in una Napoli appena liberata dai tedeschi. Testimone oculare è Norman Lewis, un giovane sottufficiale inglese: ciò che lo colpisce e lo incanta è la presenza di un magma sociale vivo e pulsante nonostante gli orrori della guerra. Norman non può fare a meno di innamorarsi di quella terra e di quella gente, e più inizia a posare il suo lucido sguardo sulla cruda miseria umana e materiale di Napoli, più le pagine dei suoi diari si riempiono di una molteplicità di storie e personaggi.

 

a cura di Ucca – Unione Circoli Cinematografici Arci

Resistenza virale

https://www.facebook.com/UCCApagina/

 

25 aprile Cinema dai territori

Le proiezioni organizzate dalla rete Arci e Ucca in occasione del 25 aprile, all’interno del

palinsesto di Resistenza Virale https://www.uccaarci.com/25-aprile-territori/ GIA’ RAGGIUNGIBILE DALLA HOME CON BANNERINO ROSSO

25 APRILE:CIRCOLI RESISTENTI

25 APRILE:CIRCOLI RESISTENTI
Un 25 aprile anomalo senza persone riunite ma che la nostra associazione festeggia sul web e con il pranzo resistente a domicilio organizzato dal Circolo di Monterappoli insieme ad altri Circoli Arci e all’ANPI.  L’Arci aderisce al flashmob dell’Anpi e invita i soci a cantare Bella Ciao dalle finestre alle ore15


Quest’anno a causa del virus  che ha fermato il mondo,mutato le nostre abitudini e i nostri costumi, non potremo scendere in piazza a festeggiare il 25 aprile; è la prima volta, da 75 anni, che non sarà possibile riunirsi nell’ anniversario della Liberazione, proprio nella data simbolo che ha segnato il comune destino di libertà della nostra nazione.
Noi dell’Arci però non vogliamo rinunciare a festeggiare questa data, per l’importanza che questa rappresenta per il nostro Paese perché oggi più che mai i valori della nostra Costituzione e le battaglie che tante e tanti fecero per la Liberazione dal fascismo devono essere ricordati. Pensiamo solo che la memoria, l’impegno e i valori della solidarietà e dell’antifascismo sono tra le radici fondative della nostra associazione e da sempre siamo coinvolti e felici di organizzare in ogni luogo d’Italia nella giornata della Liberazione manifestazioni, iniziative, momenti di festa.

Questo sarà però un 25 aprile particolare e lo ricorderemo tutti, isolati nelle nostre case, con i nostri circoli chiusi, nei quali ovviamente non si terranno pranzi celebrativi, dove non canteremo bella ciao o ci abbracceremo ricordando i partigiani dei nostri paesi.
Sarà un 25 aprile diverso, di vera e nuova resistenza. Resistenza ai periodi di difficoltà che ci aspettano, all’improvviso impoverirsi di tante famiglie, alla crisi economica alle porte e anche all’ attuale passività, alla rassegnazione, alla solitudine e all’isolamento in cui le persone si sono venute a trovare.
La nostra resistenza la amplifichiamo tramite il web, (da cui l’hashtag inventato dal nostro Comitato Arci #resistenzavirTUale) che è diventato l’unico spazio permesso per incontrarsi, confrontarsi e raccontarsi, quasi fosse un immenso circolo Arci, una piazza gremita di fazzoletti rossi.
E’ quindi il web, in particolar modo la nostra pagina facebook,il luogo in cui possiamo diffondere quotidianamente informazioni importanti per la cittadinanza, sui comportamenti da tenere in questa fase, sulle opportunità per avere beni di prima necessitò, supportando le reti informative delle Amministrazioni; il luogo in cui si continua a promuovere cultura e aggregazione anche inventando intrattenimenti  gioiosi  e ludici come i corsi di canto video con gli insegnanti del nostro Mirincoro, o i giochi di enigmistica; è il luogo in cui si promuovono le azioni solidali che i nostri Circoli compiono, dall’ acquisto o distribuzione delle mascherine, al sostegno economico  e organizzativo di “spese sospese” nei negozi del quartiere.
È quindi attraverso il web  che rivendichiamo il nostro ruolo, la nostra funzione sociale e aggregativa, la nostra vocazione solidaristica e lo spirito di mutuo aiuto perché nessuno rimanga indietro soprattutto in un momento così complicato e nuovo per tutti.
Proprio sul web quindi, a partire dalla campagna nazionale Resistenza virale – #iorestoacasa,  vogliamo celebrare anche quest’anno il 25 aprile, promuovendo le iniziative dei circoli Arci del nostro territorio insieme all’ANPI e che raccogliamo, come ogni anno, nel  cartellone Circoli Resistenti.
Mancando le piazze,la gente riunita e la festa al parco di Serravalle con l’ANPI, abbiamo deciso di proporre per il 25 aprile brevi video nei quali circoli e amici dell’Arci  riflettono sul valore di questa ricorrenza, che anche in un momento così delicato e critico per il Paese, viene attaccata e bistrattata quasi fosse la festa solo di una parte politica e non di tutta la nazione.
Hanno risposto intanto  al nostro invito il Circolo Arci di Petroio, quello di Ponterotto e quello di Gambassi attraverso il proprio gruppo teatrale “Scusi che Laminsegna teatro?”, ma ancora altri dovrebbero arrivare.
In questo 25 aprile straordinario non si è voluto rinunciare alla tradizione del pranzo resistente.
Come poterlo organizzare  per sentirsi uniti,  garantendo i rispetto di norme di igiene  e sicurezza che il momento ci impone? Nell’unico modo possibile: un pranzo resistente da consegnare a domicilio, nato dalla creatività del Circolo Arci Monterappoli,dal Ristorante “il Rifugio”, insieme all’Anpi Empoli in collaborazione con il Circolo Arci di Cortenuova  e con l’associazione Arci Settembre rosso che invece si occuperanno delle consegne. E’ proprio vero che l’unione fa la forza se insieme, ciascuno con i propri volontari, riusciranno a preparare e consegnare all’interno del Comune di Empoli, un pranzo vero e proprio composto da antipasto con spalla, pecorino e baccelli, pasta alla sorrentina, porchetta con schiacciata di patate  e cantuccini e vinsanto. Il tutto al costo di 15 euro con prenotazione obbligatoria entro il 23 aprile al Circolo di Monterappoli, chiamando allo 0571 589451. Il ricavato del pranzo sarà devoluto per progetti di acquisto di beni di prima necessità utili ai nostri concittadini più indifesi e con minori mezzi in questo momento.
Sempre  il Circolo Arci di Monterappoli con l’associazione Empoli Antifascista,in questa data, deporranno una corona commemorativa in ricordo dei Caduti della seconda guerra mondiale al Monumento ai Caduti accanto alla Pieve di Monterappoli, nel rispetto normative attuali in materia di sicurezza sanitaria,Raccogliamo inoltre l’appello dell’Anpi  #bellaciaoinognicasa che invita a seguire il flashmob  alle 15  e ad affacciarsi a balconi e finestre per cantare insieme “Bella ciao” per unire idealmente tutta l’Italia

 

20/04/2020

 

 

La voce libera di Gianni Rodari

La voce libera di Gianni Rodari

Chi meglio di Gianni Rodari potrebbe rischiarare un po’ i tempi bui e difficili che stiamo vivendo? Con le sue storie lo scrittore ci aiuta anche oggi a sognare un futuro migliore.

Emons audiolibri partecipa alle celebrazioni del doppio anniversario dell’amato scrittore mettendo a disposizione gratuitamente una selezione di racconti e filastrocche letti da grandi attori: Claudio Bisio, Neri Marcorè, Max Paiella, Lunetta Savino.

I testi sono tratti dagli audiolibri: Favole al telefono, Filastrocche in cielo e in terra, Il libro dei perché, e Il libro degli errori.

La selezione è disponibile su Spotify.

https://open.spotify.com/show/0xtrxJlZh8DR5aUMO8ACHd

Roma, Arci Nazionale

‘Rodari: sbagliando si inventa’ per #ResistenzaVirale

‘Rodari: sbagliando si inventa’ per #ResistenzaVirale

Sono passati 100 anni dalla nascita e 40 dalla morte di Gianni Rodari (Omegna, 23 ottobre 1920 –  Roma, 14 aprile 1980) scrittore,  intellettuale, poeta che ha rivoluzionato la lettura per l’infanzia ed ha promosso un’idea diversa di pedagogia legandola alla “possibilità” dell’errore come scoperta di nuovi orizzonti.

Scriveva Rodari: “Certi errori possono essere utili strumenti per evocare certe realtà, magari per conoscerle meglio. Si può insegnare al bambino non solo a evitare l’errore, ma anche a capire che l’errore, spesso non sta nelle parole, ma nelle cose; che bisogna correggere i dettati, certo, ma bisogna soprattutto correggere il mondo”.

Rodari è stato anche un fine intellettuale di sinistra, militante del PCI e impegnato su moltissime battaglie culturali, dal dopoguerra in poi, tanto da sostenere: “Io considero mio committente il movimento operaio e democratico più che il mio editore”.

L’Arci dedicherà il palinsesto quotidiano di #ResistenzaVirale del 14 aprile a Gianni Rodari. I comitati e/o circoli che organizzeranno iniziative online possono comunicarlo a cultura@arci.it entro  GIOVEDI 9 APRILE.

Materiali web anno rodariano
COPERTINA FACEBOOK

https://www.arci.it/app/uploads/2020/04/facebook-Rodari.jpg

MANIFESTO

https://www.arci.it/app/uploads/2020/04/manifesto-Rodari.jpg

Roma, Arci Nazionale

La cultura diffusa è in pericolo

La cultura diffusa è in pericolo

È urgente agire subito per sostenere il non profit culturale

L’emergenza sanitaria che stiamo vivendo ha messo in ginocchio ogni ambito di produzione ed iniziativa culturale. Non c’è nessuno che si salva. La situazione è ancora più preoccupante per le ricadute che questo lungo periodo di chiusura forzata di ogni spazio di aggregazione culturale potrà avere sul futuro di questo ampio settore.

Siamo preoccupati anche dalle ricadute in termini sociali di questa improvvisa e totale assenza di qualsiasi spazio di socialità e condivisione.

È un’emergenza sociale per il lavoratori, con qualsiasi tipo di contratto in essere, ma lo è anche per la popolazione tutta che ancora per un lungo periodo sarà costretta a non frequentare spazi della e per la cultura.

Il terzo settore culturale è un pezzo molto importante di questo sistema, e rischia il collasso. L’associazionismo di promozione sociale che promuove un numero enorme di eventi di spettacolo, formazione, animazione per ogni fascia di età, opera in ogni quartiere, in ogni piccolo paese. Un fitto reticolo di esperienze, spesso tra le più innovative ed aperte a sperimentazioni artistico-culturali.

L’Istat ha censito circa 120 mila organizzazioni non profit attive in questo ambito con un numero di lavoratori (dipendenti ed esterni) pari a 220 mila persone, con entrate di circa 6 miliardi di euro l’anno. Numeri ragguardevoli che, tuttavia, non danno conto della ricchezza e dell’impatto sociale dei progetti culturali promossi.

L’Arci, una delle principali associazioni nazionali di promozione sociale attive in questo settore, con la sua rete di 4.300 circoli associativi, dal giorno dei provvedimenti più restrittivi ha annullato quasi 38.000 eventi culturali e ricreativi (concerti, proiezioni cinematografiche, eventi teatrali, presentazione di libri, corsi di pratiche artistiche, etc.) con una perdita economica stimata in 1 milione di euro al giorno.

Gli ultimi dati Siae sugli eventi organizzati dall’associazione ci dicono anche che la metà di questi eventi è ad ingresso gratuito, confermando il nostro ruolo di promozione culturale e sostegno all’accesso alla cultura per tutti.

Inoltre, il 70 % delle nostre associazioni svolgono le attività in spazi in affitto (il 21% da enti pubblici, il 49 % da privati), quindi stanno affrontando in queste settimane spese di struttura a fronte di nessuna entrata.

Quando si ripartirà, il nostro paese avrà bisogno di un grande investimento in un piano straordinario di rilancio delle attività culturali puntando sulla socialità e sull’aggregazione per uscire dalla paura. Per questo ci sarà ancor più bisogno di quelle organizzazioni del Terzo Settore in grado di sostenere un processo di ricucitura dei legami sociali attraverso le pratiche artistiche, ricreative e formative. Sarà necessario far ripartire la frequentazione dei luoghi della cultura, dei circoli associativi, dei luoghi di aggregazione giovanile con particolare attenzione per quelli che agiscono nei quartieri degradati delle periferie metropolitane e i borghi delle aree interne.

Ma molte di queste realtà rischiano di non sopravvivere all’emergenza.

Per questo è necessario continuare a rafforzare strumenti di tutela del lavoro, in ogni sua forma, stanziare importanti fondi di sostegno per le organizzazioni culturali, facilitazioni fiscali e semplificazioni amministrative per ripartire di slancio con una futura eccezionale stagione estiva e autunnale.

Ci rivolgiamo al Governo, per quanto di sua competenza, ma anche alle Regioni e ai Comuni che hanno un ruolo fondamentale proprio per la promozione e il sostegno della rete diffusa di esperienze culturali.

Vogliamo anche sollecitare le Fondazioni tutte, che in questi ultimi anni hanno avuto un ruolo importante per sviluppare percorsi di innovazione nel non profit culturale, ad una maggiore attenzione a questo ambito per evitare che i tantissimi progetti nati attraverso la loro azione, muoiano sotto il peso dell’emergenza in atto.

Per questo, chiediamo:

al Governo e ai Ministri competenti:

– Dedicare un fondo speciale del MIBACT al sostegno delle organizzazioni del non profit culturale che operano in quasi tutti I settori di sua competenza: dallo spettacolo dal vivo alla promozione della cultura cinematografica, dalla organizzazione del volontariato culturale alla gestione e valorizzazione di beni culturali, alla promozione della lettura. Questo anche perché siamo seriamente preoccupati per il futuro di molti bandi pubblici e privati che hanno permesso in questi anni di rafforzare il settore, che potrebbero non essere più promossi.

– Estendere il credito d’imposta nella misura del 60 per cento dell’ammontare del canone di locazione anche agli immobili di categorie catastali diverse dalla c/1, nel caso in cui siano utilizzati come spazi di aggregazione culturale e sociale del non profit culturale. Specificare che sono i locatori ad usufruire del credito d’imposta.

Inoltre, individuare agevolazioni fiscali per i privati che affittano ad enti del terzo settore nel prossimo. futuro.

– Consentire di accedere allo strumento dell’Art Bonus anche a soggetti del non profit culturale, individuando loro progetti specifici da sostenere.

– Si chiede al Governo e al Ministro dei Beni e delle Attività Culturali di fare pressione sul Consiglio dell’Unione europea e sulla Commissione Europea per rivedere il budget assegnato alla Cultura, con particolare attenzione al programma Europa Creativa che, ad oggi, rischia di essere decurtato pesantemente, mentre potrebbe essere il volano per il futuro di progetti di un numero molto più ampio di organizzazioni culturali.

– In accordo con l’appello promosso da numerosi assessori alla Cultura e migliaia di artisti, chiediamo di emanare norme specifiche per autorizzare gli enti locali ad operare in deroga a norme generali e specifiche concernenti l’erogazione di contributi alle attività culturali e la riscossione di oneri e imposte locali.

All’Anci e alla Conferenza delle Regioni

– Chiediamo di attivare al più presto con gli Enti Regione tavoli di coordinamento della crisi del settore culturale, coinvolgendo tutti gli attori che operano in questo ambito. Dove esiste una legislazione ad hoc, sullo spettacolo dal vivo e sulla cultura, prevedere un ampliamento dei fondi anche a sostegno delle organizzazioni non profit che hanno una chiara predisposizione alla promozione sociale in questo settore.

– Chiedere un tavolo urgente di confronto con l’Anci – Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, e con le sue espressioni regionali, per coordinare gli interventi nazionali e regionali con le esigenze delle organizzazioni culturali territoriali. Chiederemo all’ANCI di promuovere presso i Comuni associati, la possibilità di prevedere fondi comunali destinati in modo specifico al mondo del non profit culturale che permetta di riprendere le attività appena sarà possibile.

Arci Nazionale, 6.04.20

L’ARCI AGGREGA CON #resistenzavirTUale

L’ARCI AGGREGA CON #resistenzavirTUale

Dal 26 marzo lo spazio web diventa spazio di socialità: video testimonianze di presidenti, di soci dei circoli arci, di artisti del territorio, quiz di enigmistica, e perfino il vecchio gioco dei mimi.
Lezioni video di canto, inglese, yoga e piccole azioni tecnologiche.

In questo particolare momento siamo costretti per il bene e la salute di tutti, a una forzata sospensione da tutte le attività e contatti consueti: le nostre abitudini sono sconvolte e ci troviamo a percepire in maniera assordante l’isolamento e lo scorrere del tempo che si dilata dentro le mura delle nostre case. Per la prima volta tutti i nostri Circoli Arci, luoghi deputati naturalmente all’aggregazione, alla condivisione e allo scambio sono chiusi per ovvi motivi di emergenza e per frenare il contagio del virus.
Vedere le porte serrate, sapere che è così, dobbiamo ammetterlo, ci fa molta impressione:non era mai successo e i presidenti che hanno girato le chiavi, lo hanno fatto con dolore ma con grande responsabilità per un fine superiore, la salute di tutti.
“Abbiamo chiuso – dice con orgoglio Alice Mollica, presidente del Circolo Arci Ponterotto- ma abbiamo scelto di lasciare una luce accesa fuori, per fare capire che quel luogo, presto tornerà ad accendersi tutto e ad accogliere ancora con calore i nostri soci”

E’quindi una necessità urgente per la nostra associazione non abdicare al nostro ruolo di animatori sociali, ma mettere in campo una “resistenza” alla passività e alla rassegnazione attraverso l’azione costante di diffusione di cultura, di emozioni e di curiosità. Vogliamo combattere la solitudine, oggi più che mai, e il possibile isolamento in cui le persone si sono venute improvvisamente a trovare. Lo facciamo con il web che diventa l’unico spazio permesso per incontrarsi, confrontarsi e raccontarsi,quasi fosse un immenso circolo Arci senza confini.
A partire dalla campagna nazionale Resistenza virale – #iorestoacasa la nostra associazione ha escogitato espedienti e iniziative da promuovere sul web, che possano servire a personalizzare, a “cucirci addosso” ancora di più questa campagna, a dare un segnale della nostra presenza soprattutto coinvolgendo i soci e dirigenti attraverso l’hashtag #resistenzavirTUale. Stiamo intanto raccogliendo brevi video (di massimo un minuto e mezzo) nel quale i dirigenti, i soci (ma anche chiunque voglia farlo!), può raccontarsi in questi giorni:paure,speranze, messaggi di solidarietà, semplicemente per farci compagnia, condividere, diminuire le distanze.

Cosa faremo con questi video e cosa accadrà dunque sul web e in particolare modo sulla pagina facebook dell’Arci Empolese Valdelsa?
Tenete a mente la data del 26 marzo. Da questo giorno verrà lanciato un “palinsesto”, un programma di appuntamenti fissi e cadenzatI, di attività giornaliere e settimanali su facebook, caratterizzato dall’hashtag #resistenza virTUale:
video testimonianze di presidenti, di soci dei circoli, di artisti del territorio, di chi vuole raccontarsi, quiz di enigmistica, e perfino il vecchio gioco dei mimi a premi, lezioni video di canto, inglese su skype, yoga e piccole azioni tecnologiche con l’aiuto di tanti Circoli Arci che si sono messi a disposizione!

Viorica Guerri, Ufficio Stampa Arci Ev

https://www.facebook.com/764220466993442/photos/a.764220553660100/2934090870006380/?type=3&theater

A questo link il programma e le attività di Resistenza VirTuale

RESISTENZA VIRALE – #iorestoacasa

RESISTENZA VIRALE – #iorestoacasa

L’Arci che resiste la trovi in tutta Italia. Questa volta la distanza ci può unire.

Tutti noi, come cittadini italiani, stiamo vivendo una situazione mai accaduta prima.

Il numero delle vittime da Coronavirus, insieme al numero dei contagiati che è ancora in aumento, ha spinto il Governo ad emanare normative e provvedimenti che limitano la mobilità dei cittadini, e, insieme a quella, la possibilità di vedersi, stare insieme. In nome della responsabilità e del civismo, necessari in questa fase nella battaglia collettiva che il nostro paese sta conducendo, abbiamo scelto di sospendere le attività delle nostre basi associative.

La socialità, l’animazione dei territori, la missione principale della nostra associazione in questi giorni è quindi fortemente limitata.

Ma questo non può voler dire che ci vogliamo arrendere, e abdicare al nostro ruolo, quello di un’associazione culturale che crede nei valori della solidarietà e della diffusione della cultura come fondamentali e necessari per la crescita di ognuno di noi e per il futuro del nostro Paese: stiamo solo aspettando che questa sorta di incubo possa finire e che ci possiamo nuovamente riunire in un abbraccio collettivo di tutti i nostri circoli e di tutta la nostra associazione.

Crediamo che, in questi giorni di forzata sospensione, la nostra associazione (e in molti territori lo sta facendo con coraggio e determinazione) possa mettere in campo una sorta di “resistenza” alla passività e alla rassegnazione, attraverso azioni concrete di solidarietà e vicinanza nei confronti dei cittadini, e attraverso l’azione costante di diffusione di cultura, di emozioni e di curiosità. Vogliamo combattere la solitudine, oggi più che mai, e il possibile isolamento in cui le persone si sono venute improvvisamente a trovare.

È per questo che vi proponiamo di aderire, e di proporre alle basi associative, una campagna nazionale dal titolo Resistenza virale – #iorestoacasa.

Vogliamo dar voce a tanta parte del mondo culturale italiano che in questi giorni, attraverso gli strumenti del web, sta regalando la propria creatività e la propria produzione a chi resta responsabilmente a casa.

Così come promuovere le tante iniziative di corsi, formazione, protagonismo di singoli messo a disposizione di tanti altri, che in queste ore attraversa i social.

Vogliamo dare strumenti ai nostri circoli, attraverso la promozione di buone pratiche che già qualche nostro circolo ha messo in piedi, per essere e resistere a questo momento di smarrimento.

Vogliamo che questo tempo sospeso sia riempito con letture, spettacoli, occasioni di crescita e formazione, usando il web come veicolo accessibile e democratico.

Vogliamo riempire i social, troppo spesso usati per parole d’odio e false verità, di pensieri, creatività, riflessioni e visioni del mondo solidali e interessanti.

Vogliamo valorizzare le tante iniziative di vicinanza ai cittadini più deboli e fragili che i nostri circoli stanno mettendo in campo.

COSA SI PUÒ FARE A CASA

Concerti e letture in streaming a cura di Arci Ferrara e Ferrara Sotto Le Stelle Festival
Letture e concertini in streaming sulla pagina facebook di Ferrara Sotto Le Stelle Festival e Arci Ferrara.
L’appuntamento è tutti i giorni su facebook o instagram alle 18.30.
Ad oggi sono state condivise letture di Emidio Clementi (Massimo Volume), Vasco Brondi, Her Skin, Xabier Iriondo.
L’artista verrà annunciato tutte le sere intorno alle 18.00.

Resilienza culturale a cura di Magazzino Culturale “Ex Oleificio” e Il circo pace e bene di Milena (CL)
Rubrica quotidiana sulle Pagine fb con un contenuto culturale (spezzoni di libri o film, poesie, testi di grandi autori, …) per mantenere una “vicinanza culturale” con i soci.

“La Cultura Va In Onda” a cura di Novaradio Città Futura di Firenze
Inviate la registrazione live di un brano musicale, una lettura, uno spettacolo, o anche solo un messaggio di sostegno – della durata massima di 5 minuti – alla mail redmus.novaradio@gmail.com o via Whatsapp al 366 1014094. Tutte le letture e la musica inviata saranno trasmessi a partire da lunedì:
Alle 9.30 durante News Box, alle 15.15 durante Sputnik, alle 16.45 durante Novaradio News
Il sabato dalle 16 e la domenica dalle 9 si potranno ascoltare in uno spazio interamente dedicato alle vostre voci!

#IORESTOACASA a cura di Radio Barrio  di Crotone
Da questa settimana, speriamo per un breve periodo, tutti i programmi di Radio Barrio vedranno il solo regista presente in studio. I conduttori saranno in collegamento da casa, così come gli ospiti.
Inoltre sarà attivata una fascia giornaliera nel palinsesto dedicato a tutti quelli che faranno la scelta di rimanere a casa o che lo sono già perché in quarantena. Condivisione e partecipazione alle attività della Radio, inviando dei vocali su whatsapp o telegram attraverso il numero di telefono 3273721595 in cui chiunque vuole può leggere un brano di un libro, una poesia, cantare una canzone o raccontarci una storia o anche una barzelletta.

#iorestoacasa La Mia Casa Danza Con Me… a cura di Centro Danza Iris di Collegno (TO)
In un momento particolare delle nostre vite abbiamo bisogno di ritrovare attraverso l’arte della danza le risorse per affrontare questa situazione: scattatevi una foto di danza in posa in un angolo della vostra casa e inviatela al Centro Danza Iris. Possono partecipare anche mamme papà, zii, nonni e pelosi. Per info: iris.centrodanza@gmail.com

“I Racconti del Focolaio” a cura del circolo CuntaTerra di Brecciarola (CH)
Una rubrica online di storie, musica, poesia e contributi creativi di vario genere: piccole occasioni di gioia e spensieratezza “Con un pensiero alle radici e lo sguardo aperto sul mondo”, secondo il motto di CuntaTerra.
Il “focolare”, quel posto simbolico della casa in cui un tempo le famiglie si riunivano per ascoltare storie, canti e racconti, ai tempi del Coronavirus viene riconvertito in un’ottica smart e diventa un luogo virtuale di incontro e condivisione di messaggi di bellezza e positività nel nome della cultura, dell’arte, della creatività. I primi due contenuti condivisi sono il racconto della favola di tradizione popolare per adulti e bambini “La capra ferrata” e una filastrocca di origine siciliana, rivisitata da Marcello Sacerdote nel divertentissimo e difficilissimo scioglilingua “Lu Re Ciufè”.

Piazze di Primavera a cura di Arci Cosenza 
Un momento di condivisione e diffusione di cultura, in cui musicisti, cantanti, poeti, scrittori, pittori, artisti di ogni genere avranno la possibilità di esibirsi e intrattenerci.
La call è aperta a tutte e a tutti gli artisti che hanno voglia di esibirsi in una diretta Facebook da casa loro. Il team organizzativo costruirà una scaletta delle esibizioni, è pertanto necessario iscriversi entro e non oltre le 19 di giovedì 19 marzo. Sintonizziamoci tutti sullo stesso canale e commentiamo, chiacchieriamo, ascoltiamo, ridiamo, lasciamoci contagiare e trasportare dall’arte.
Il 21 alle 21 daremo insieme il benvenuto a questa nuova primavera.

Astracult in streaming presenta “Welcome” di P.Lioret a cura di AstraLab PuzzleBrancaleone di Roma
Giovedì 12 marzo alle 21.30 – Proiezione INTERAMENTE IN STREAMING direttamente dalla pagina di Astracult. Durante la proiezione e il dibattito sarà possibile interagire e dare opinioni e contributi direttamente sulla pagina dell’evento.

Autori in prestito a cura di Arci Reggio Emilia
Un progetto realizzato con il contributo della Regione Emilia Romagna. Fa parte di Mappe Narranti, un percorso culturale di incontri, spettacoli ed eventi tra territorio, paesaggio e arte.

#iorestoacasa MA RIMANIAMO CONNESSE a cura di Arci Centro Donna di Arci Valle Susa
Il centro antiviolenza resta a disposizione ai seguenti numeri: 370 3432133 | 337 1082919 attivi dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18.

Spesa a domicilio a cura di circolo Arci Belforte Siena
Servizio gratuito per il paese di Belforte per questo periodo di isolamento per la prevenzione dal contagio da coronavirus. Per aggiornamenti in tempo reale registrare sulla rubrica del cellulare il numero WhatsApp del circolo 328 38 63 829 e inviare un messaggio con il proprio nome; in questo modo si viene inseriti nel gruppo.
In accordo con il comune di Radicondoli e in collaborazione con la Coop di Radicondoli e la farmacia Mazzoni.

CASA PIGNETO – Un quartiere solidalea cura di Sparwasser di Roma
Se hai bisogno della spesa o vuoi darci una mano mandaci un messaggio al 3917274709. Ci organizzeremo per portartela con tutte le precauzioni del caso.
Se hai bisogno dello sportello di assistenza e tutela dei precari e delle partite iva possiamo aiutarti in via telematica. Ci puoi contattare con una mail a sparwasser.infolavoro@gmail.com

#iorestoacasaemaitearriva a cura di MAITE – Bergamo Social Club
Spesa e piccole commissioni (posta, farmacia, …) per chi ne avesse bisogno (over 70 o persone con difficoltà legata a patologie avranno precedenza), può chiamare al 𝟑𝟓𝟏 𝟗𝟑𝟕𝟗𝟖𝟖𝟖.

ChiamArci a cura del Comitato Arci Bari
Sportello di ascolto attivo per supporto psicosociale. Lo sportello riceve ogni giorno dalle 16 alle 19 e risponde in Italiano, Inglese, Francese, Albanese, Spagnolo, Arabo.
11 volontari rispondono divisi nelle categorie informazioni/attacchi di panico/sostegno anti solitudine.
Il servizio rientra nel piano dell’emergenza del Welfare del Comune di Bari.

ChiamArci a cura del Circolo Terra Rossa di Montemesola (Ta)
Sportello di ascolto attivo per supporto psicosociale. Lo sportello riceve ogni giorno dalle 16 alle 19 e risponde in Italiano. Volontari impiegati: 3

Non laviamocene le mani a cura del Circolo “Carlo Cafiero” di Barletta
Servizio di spesa a domicilio attivo tutti i giorni. 100 volontari impiegati
Il servizio conta su convezioni con esercenti che si impegnano a preparare le buste già chiuse.
Il servizio rientra nel piano dell’emergenza del Welfare del Comune di Barletta.

#andràtuttobenea cura del Circolo Arci Il Germoglio di San Gemini (TR)
Attività corsistiche con Video Lezioni Online. Tra le Videolezioni attivate: Chitarra, Gag (per rassodare Gambe Addominali e Glutei), Inglese.
Un’insegnante di Disegno per Bambine/i sarà disponibile per creare insieme Lenzuola e Cartelloni con grandi arcobaleni da esporre ai balconi, per creare insieme questa ondata di #Fiducia e #Speranza! Per info e prenotazioni 3713630104 o 3401463227.


Strumenti online, liberi e gratuiti, di informazione e intrattenimento

Musica

Racconti in tempo di peste – Ogni giorno un racconto, per comporre un affresco del pensiero. Un Decameron contemporaneo. Un progetto di Sergio Maifredi e Corrado d’Elia. Produzione e comunicazione Lucia Lombardo | Organizzazione Caterina Mariani.

Libri e Letture

Decameron – una storia ci salverà – Il primo festival letterario italiano totalmente digitale. Di giorno in giorno presentazioni che sarebbero state fatte in condizioni normali, proposte e organizzate esattamente come gli appuntamenti dal vivo: ci si iscrive all’evento, ci si collega alla diretta nel giorno e nell’ora concordata e si può partecipare all’incontro ascoltando, facendo domande all’autore o all’autrice e scambiando pareri con gli altri lettori e lettrici. Non sostituisce gli abbracci, gli sguardi scambiati con la scusa della firma, la forza dei luoghi fisici e del contatto umano, ma è l’unico modo  ora per non sentirci soli e non dimenticarci che siamo prima di tutto una specie narrante.

Visite virtuali musei
Un’interessante attività fruibile tra le mura domestiche: visitare alcuni tra i più bei musei del mondo stando comodamente in poltrona. Veri e propri tour virtuali. Di seguito alcuni tra i più interessanti in Italia e nel resto del mondo.

Pinacoteca di Brera – Milano
Galleria degli Uffizi – Firenze
Musei Vaticani – Roma
Museo Archeologico – Atene
Prado – Madrid
Louvre – Parigi
British Museum – Londra
Metropolitan Museum – New York
Hermitage – San Pietroburgo
National Gallery of art – Washington

Per i più piccoli

Lezioni sul sofà – Racconti, illustrazioni, lezioni, attività… Un’idea nata da un gruppo di autrici e autori, soprattutto – ma non solo – di libri per ragazzi.

Arci Nazionale

INFO.TECNOLOGIA

INFO.TECNOLOGIA

Buone pratiche in circolo per una tecnologia smart: al Circolo Arci di Ponte a Elsa si apre mercoledì prossimo lo sportello per apprendere le nuove tecnologie e semplificarsi la vita.



Si apre mercoledì prossimo 19 febbraio alle ore 17,00 al Circolo Arci “O. Ristori” di Ponte a Elsa lo sportello Info.tecnologia per venire incontro ai nuovi bisogno di tanti soci e cittadini. Se da un alto le nuove tecnologie stanno rubando spazi importanti alla nostra vita di relazione, dall’altra indubbiamente si rivelano utili per semplificarci la vita: senza muoversi da casa o dall’ufficio possiamo fare tantissime pratiche, evitare file e perdere tempo inutilmente.

Se nell’uso della tecnologia i più giovani sono avvantaggiati in quanto “nativi digitali”, non si può dire la stessa cosa per i meno giovani che hanno diffidenza e talvolta timore nell’usare pc e smartphone o comunque nello sfruttare appieno le potenzialità degli strumenti a loro disposizione per azioni quotidiane come inviare una mail, aprire una casella mail, configurare il nuovo telefono, prenotare le analisi on line…

Per questi motivi ogni mercoledì dalle 17 alle 18,30 al piano terra del Circolo Arci sarà adibito uno sportello informativo gestito dai ragazzi e dalle ragazze del Centro di Socializzazione per rispondere a dubbi e quesiti delle persone meno esperte di tecnologia e per dare spiegazioni e supporto.
Lo sportello Info.tecnologia rientra all’interno delle azioni del progetto “Hate Speech” dell’Arci Comitato Territoriale Empolese Valdelsa APS finanziato da Regione Toscana e Ministero del Lavoro e delle politiche sociali.
Con questa azione si favorisce uno scambio generazionale e di competenze, si offre sostegno e soprattutto si instaurano relazioni positive tra giovani e meno giovani nell’ottica di una migliore conoscenza reciproca e dello sviluppo dell’autostima dei ragazzi.

Ufficio Stampa

Arci Comitato Territoriale Empolese Valdelsa APS

18/02/2020