Legittima difesa: uno scempio dello stato di diritto

Legittima difesa: uno scempio dello stato di diritto

Uno scempio dello stato di diritto

La Camera ha approvato le nuove norme sulla “legittima difesa”

Dichiarazione di Francesca Chiavacci, presidente nazionale Arci

Con una maggioranza risicata, la Camera ha approvato la nuova legge sulla legittima difesa. Ancora una volta si è voluto inseguire la destra sul terreno dell’estremismo forcaiolo e securitario, peggiorando il testo iniziale con due emendamenti presentati dal PD che gli hanno assicurato il voto favorevole dei centristi ma non quello di Forza Italia e del resto dell’estrema destra.

Gli emendamenti hanno ampliato la possibilità di ricorrere all’uso delle armi da parte di chi subisce “un’aggressione di notte, con violenza sulle persone o sulle cose”, quindi licenza di uccidere anche il ladruncolo che tenta una rapina. Purchè sia notte! Ma un altro emendamento, pure questo presentato dal PD e approvato, precisa che non c’è colpa se si reagisce “in situazioni di pericolo attuale per la vita, per l’integrità fisica, per la libertà personale o sessuale”. Un vero e proprio incitamento a reagire a un atto di violenza usandone una ancora maggiore.

Crolla quindi il principio della difesa proporzionata all’offesa, un cardine della civiltà giuridica. Ognuno è autorizzato a farsi giustizia da sé, nelle modalità che ritiene opportune.

Uno scempio dello stato di diritto. C’è solo da augurarsi che i senatori, che riceveranno il provvedimento per l’approvazione definitiva, facciano prevalere la salvaguardia dei principi democratici all’ansia di rastrellare consensi elettorali.

Roma, 4 maggio 2017

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Name*

Email* (never published)

Website