Più servizi,meno fertility day

Più servizi,meno fertility day

#fertilityday

Con una campagna, che troppo ricorda quelle analoghe del periodo fascista, lo Stato, in questo caso rappresentato dalla ministra Beatrice Lorenzin, pretende di invadere un ambito che riguarda solo il privato delle donne, cancellandone con un colpo di spugna libertà e responsabilità nelle scelte procreative.

Ma paradossalmente una simile campagna può solo ottenere il risultato opposto: tanto più le si riduce a meri contenitori, tanto meno donne sempre più consapevoli e desiderose di costruirsi il proprio futuro nella società saranno attratte da un modello antiquato e penalizzante di riproduzione.

Lo Stato faccia il suo dovere garantendo i servizi necessari, dai consultori agli asili, e non pretenda di indicare come e quando mettere al mondo dei figli

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Name*

Email* (never published)

Website