SPARI CONTRO UN MIGRANTE OSPITE DI UNA PARROCCHIA PISTOIESE

SPARI CONTRO UN MIGRANTE OSPITE DI UNA PARROCCHIA PISTOIESE

Pistoia, il parrocchiano e la paura degli spari: “Hanno gridato negri”

Dei colpi di pistola, forse con una scacciacani, sono stati esplosi a Pistoia, ieri sera, intorno alle 23, contro un migrante africano ospite della parrocchia di Vicofaro per fortuna rimasto illeso.  A denunciarlo con un post sul suo profilo Facebook è stato il parroco di Vicofaro, don Massimo Biancalani, da sempre impegnato nell’accoglienza dei migranti.Il giovane ha raccontato di aver incrociato due giovani in bicicletta, di aver sentito prima gli insulti, poi un botto.

Secondo il racconto che lo stesso don Biancalani fa, ci sarebbe stato un primo allarme ieri sera intorno alle 22,30: “Un nostro volontario è venuto a dirmi che erano passati due ragazzi dalla strada urlando insulti razzisti, del tipo “negri bastardi” e “negri di merda”. Poi abbiamo fatto una riunione, chiusi in una stanza e ad un certo punto – prosegue il sacerdote – è entrato Buba, un ragazzo del Gambia, di 23 anni,  che era andato a correre intorno alla parrocchia. Era spaventatissimo e ha detto che due giovani che lo avevano insultato, gli avevano poi sparato contro uno o due colpi.

Le reazioni “Anche in Toscana la caccia al nero. Ma per Salvini e per Di Maio nessun problema di razzismo. Ora ci aspettiamo parole inequivocabili di condanna dal Ministro dell’Interno Matteo Salvini e dai rappresentanti del governo 5Stelle-Lega”, ha detto il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, condannando il gesto.  “Cos’altro deve accadere per capire che siamo dentro una pericolosissima spirale di razzismo e violenza?”, ha aggiunto il governatore.  “Solidarietà ai ragazzi di Don Massimo Biancalani, alla parrocchia di Vicofaro, a tutte le cittadini e i cittadini della Pistoia democratica, civile e solidale.

Arci, 03/08/18
image_pdfimage_print

Lascia un commento

Name*

Email* (never published)

Website