Contro l’aggressione fascista ai giornalisti dell’Espresso

Contro l’aggressione fascista ai giornalisti dell’Espresso

image_pdfimage_print

Chiediamo al Ministro Salvini una posizione dura di condanna

Condanniamo fermamente la vergognosa aggressione fascista avvenuta poche ore fa ai danni di due giornalisti dell’Espresso, colpiti da calci e pugni durante la commemorazione per Acca Larentia al Verano a Roma.

Un’azione vile, vergognosa e intimidatoria, indegna di uno stato democratico dove però gruppi politici che si ispirano al Ventennio fascista continuano ad agire indisturbati e a mettere in mostra il loro animo violento e aggressivo.

Esprimiamo solidarietà ai due giornalisti colpiti e a tutti coloro che lottano quotidianamente per uno stato dove si possa esprimere la libertà di stampa e di informazione senza rischiare di essere aggrediti o picchiati mentre si svolge il proprio mestiere di documentazione.

Ora ci aspettiamo quanto prima una posizione dura di condanna da parte del Capo del Viminale, il Ministro Matteo Salvini, rispetto a questo vile atto.