Cultura vs paura

Cultura vs paura

L’editoriale di Francesca Chiavacci

Una pecora può veramente far paura? Ovviamente è un sillogismo e la pecora a cui ci riferiamo è la ormai nota Pecora elettrica, piccola libreria della periferia romana devastata per ben due volte. La pecora quindi può far paura, certo, ma non per suo ‘belare’ ma per la sua stessa esistenza in un territorio che qualcuno vorrebbe considerare suo e di nessun altro.
La maratona di lettura nei nostri circoli in difesa dei presidi culturali ha avuto proprio questo scopo. Quello di dire: ci siamo, ci saremo e non ci spaventate. L’iniziativa Resistenza elettrica ha coinvolto numerosi circoli in tutta Italia, convinti dell’importanza della promozione culturale e del fatto che il rischio di una reazione – dopo la serie di violenti attentati – di natura unicamente securitaria rischi solo di svuotare i quartieri.
In questa situazione il rischio da evitare è la desertificazione delle periferie, che invece chiedono aggregazione e cultura. Il compito della nostra associazione, oltre alla solidarietà e alla vicinanza di chi è stato così gravemente colpito, è quello di agire e sostenere i presidi sociali e culturali sul territorio. In queste ultime settimane, in tutto il paese si stanno verificando inquietanti e gravi atti di intimidazione, anche nei confronti di nostre basi associative. Se è importante che si sia sollevata tanta attenzione nei confronti degli ultimi attentati a Centocelle, occorre impegnarsi quotidianamente perché le iniziative culturali, le forme popolari di aggregazione, spazi- simbolo, possano lavorare tranquillamente.
Scenderemo sempre in piazza, saremo passione, voce e gambe a sostegno della partecipazione e della cultura. E saremo sempre dalla parte di chi non si arrende alla violenza e resiste. Ma siamo anche convinti che il nostro impegno non basterà. La debolezza in cui versano le istituzioni non riesce a garantire la socialità dei quartieri e al contempo non sempre rappresenta un deterrente alla criminalità.
Arci farà la sua parte, insieme a tanti altri soggetti associativi. La nostra passione civile e il nostro impegno per mantenere vivi i territori sono quotidiani. E sappiamo che sarà soprattutto quando i fari dell’attenzione mediatica si saranno spenti che sarà importante sostenere, anche con fatica, la ricchezza della promozione di forme di partecipazione, produzione ed espressione culturale nelle nostre città e nelle periferie.

Arci Nazionale

https://www.arci.it/cultura-vs-paura/

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Name*

Email* (never published)

Website